contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Eusebi: "La Mancinelli, sindaco di Ancona e della s...comunicazione"

2' di lettura
1348

paolo eusebi

Parrebbe che alla sindachessa per comunicare o peggio ancora per s...comunicare non basti più l’ufficio stampa con due giornaliste impegnate.

Alla sindachessa non basterebbe più il suo capo gabinetto (figura che fino alla sua sindacatura fungeva sempre da portavoce del primo cittadino). Non le basterebbe neanche il suo direttore generale che presiede appunto alla informazione dell’ente ed al quale fa capo l’ufficio stampa. Non le basterebbero neppure coloro che sono addetti alla sua segreteria. Così come non le basterebbe l’urp per colloquiare con i cittadini. Neppure l’appena avviato call center. La Mancinelli vorrebbe comunicare meglio e di più. Vorrebbe cioè supplire alla sua mancanza di umiltà con una comunicazione accattivante. Eppure oltre alla sua corte che ha un costo non indifferente il Comune, spende per il Gabinetto del primo cittadino (come da bilancio) quasi 20 mila euro al mese. Di quanto noi tutti dovremmo farci carico per dare alla sindachessa quegli strumenti (che invece ha in abbondanza) che sarebbero indispensabili per vendere al meglio il poco lavoro dell’esecutivo e per dare un senso alla presenza della sindachessa e della sua giunta a Palazzo del Popolo?

Ma quale senso compiuto si potrebbe dare al poco o nulla che a Palazzo del Popolo si è riusciti a produrre a parte l’ordinaria amministrazione. E così la Mancinelli ci vorrebbe far pagare i costi per una agenzia esterna o comunque per un addetto stampa esterno per dare una sferzata alla comunicazione del Comune. A questo punto occorre intendersi: l’ufficio stampa dell’ente ha due giornaliste professioniste brave e di comprovata esperienza. Persino all’Urp c’è una giornalista professionista. Come se non bastasse, c’è il fido Carlo Rossi che dovrebbe svolgere proprio le funzioni di portavoce. Fatte queste considerazioni di costi e di opportunità, vediamo se e quando il bando per la comunicazione uscirà. E come eventualmente verrà giustificata questa assurda operazione di spreco di risorse pubbliche. La vera svolta della comunicazione potrà infatti avvenire soltanto quando la Mancinelli ed i suoi comprimari daranno vere risposte ai bisogni insoddisfatti che la città da anni manifesta.



paolo eusebi

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-04-2015 alle 15:35 sul giornale del 08 aprile 2015 - 1348 letture