contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Paolo Eusebi a Equitalia e company: giù le mani dai nostri amici animali

1' di lettura
1256

paolo eusebi

Sembra davvero incredibile ma nel nostro Paese sono oltre 25 milioni coloro che vivono con un animale domestico e rischiano di perderlo per sempre a causa di un pignoramento dovuto a debiti con lo Stato o privati. Perfino Equitalia e company potrebbero muoversi per far valere i diritti dei ...creditori.

In Italia, cani, gatti e tutti gli altri amici animali delle nostre famiglie rischiano di essere pignorati e di andare all'asta come se fossero un elettrodomestico, una tv, un frigo, una lavatrice. Purtroppo la legge italiana continua infatti a considerare i nostri amici a due o più zampe come “cose”, ignorando la dimensione affettiva fra l'animale e il padrone e ovviamente il rapporto che li lega. Per porre fine a questa aberrazione il Consigliere regionale Paolo Eusebi ha presentato una specifica mozione affinché l’Assemblea legislativa delle Marche impegni formalmente il Presidente della Giunta ed il Presidente del Consiglio regionale a porre in essere ogni iniziativa istituzionale possibile in appoggio a tutte le azioni che vogliono sia sancita in Italia l'insequestrabilità e l'impignorabilità degli animali domestici.

Contestualmente, secondo la mozione di Eusebi, le Marche con i loro vertici istituzionali dovranno sviluppare ogni più utile azione di supporto alla petizione nazionale della Presidentessa di ForPlanet Onlus Tessa Gelisio predisponendo anche un link alla petizione #GIULEZAMPE sul sito dell'Assemblea legislativa delle Marche. La mozione, inoltre, impegna i vertici regionali a firmare questa petizione dando l’esempio concreto di come l’amore ed il rispetto verso gli animali si possa e si debba coniugare con la necessaria sensibilità istituzionale, quella stessa sensibilità istituzionale che sta dimostrando con numerose iniziative il Comune di Fabriano (An).



paolo eusebi

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-04-2015 alle 13:00 sul giornale del 09 aprile 2015 - 1256 letture