contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Camerano: Production srl (ex Babini spa), preoccupazioni per il futuro lavorativo

2' di lettura
1283

Bandiere sindacati Cgil Cisl Uil
I sindacati di categoria Feneal UIL – Filca CISL – Fillea CGIL unitamente alla RSU e all’assemblea dei lavoratori e delle lavoratrici della Production srl (ex Babini spa) spa di Camerano esprimono forte preoccupazione per il futuro dello stabilimento.

Preoccupazioni che nascono da un comportamento aziendale caratterizzato, nell’ultimo periodo, da un forte scollamento tra il dichiarato e l’agito. Più volte infatti l’azienda, tramite i professionisti da lei delegati per la difficile trattativa, aveva rassicurato le Organizzazioni sindacali e la RSU che contestualmente alla domanda di concordato preventivo con continuazione di attività, presentato il 29 marzo c.a., sarebbe stato avanzato il relativo piano concordatario. Ad oggi però non c’è nessun piano concordatario.

Questo ritardo provocherà inevitabilmente dei ritardi sull’attivazione degli ammortizzatori sociali necessari per garantire i livelli occupazionali considerato l’inevitabile slittamento dei tempi per l’ammissione; passaggio fondamentale per l’ attivazione della cassa integrazione straordinaria. A questo si aggiunge il congelamento delle mensilità non ancora percepite di dicembre 2014, gennaio, febbraio e marzo 2015 come effetto della presentazione della procedura concorsuale.

Infine si esprime preoccupazione per la mancata presentazione di un piano industriale che si attende da ottobre 2014. L’assenza della proprietà durante gli incontri effettuati con la quale poter discutere dell’organizzazione del lavoro e confrontarsi sui punti di un piano industriale trasmette una sensazione di profonda incertezza che inevitabilmente si ripercuote sulla quotidianità dei dipendenti della Production srl (ex Babini spa) e sulla qualità delle relazioni sindacali. Le scriventi Organizzazioni Sindacali, la RSU e i dipendenti tutti attendono con ansia l’incontro previsto per il 12 maggio con la speranza di poter far luce su questi aspetti fondamentali per il futuro dello stabilimento e con l’intenzione di poter ristabilire delle relazioni sindacali volte alla costruzione di un percorso condiviso con l’obiettivo di non perdere livelli occupazionali e di mantenere in un territorio già pesantemente colpito dalla crisi del settore del legno un azienda storica del tessuto produttivo.



Bandiere sindacati Cgil Cisl Uil

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-05-2015 alle 16:52 sul giornale del 08 maggio 2015 - 1283 letture