contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Eusebi: "Pensioni: finto bonus una tantum, fregatura semper certa est"

2' di lettura
1721

paolo eusebi
Sentenza della consulta, poco meno o poco più di 17 miliardi di euro il costo stimato per restituire (finanche a rate) il maltolto ai pensionati con più di 1.500 euro lorde mese. Si tratta di circa 3/4 mila euro di arretrati e di una rivalutazione annua di 1.200/1.500, ovvero circa 110/120 euro mensili.

Grazie a Renzi, che della Corte costituzionale se ne frega nel modo più assoluto, arriva invece l’una tantum beffardo ed offensivo pari a 500 euro di media per l’arretrato e 100/180 euro l’anno per l’indicizzazione. Con nonchalance il Governo con poco più di 2 miliardi pensa infatti d’esserla cavata intervenendo parzialmente, molto parzialmente, sulle pensioni fino a 2.900 euro lordi mese. Non solo, Renzi fin da subito ha parlato di una sorta di bonus ai pensionati. Faccia tosta, da venditore di pentole alle fiere. In concreto, il finto bonus/una tantum arretrati sarà infatti di € 750 euro per i pensionati con assegni da 1.700 euro lordi a 2.199 euro lordi, di € 450 euro per quelli da 2.200 euro a 2.699 euro e di € 278 euro per quelli da 2.700 euro a 2.900 euro sempre lordi.

Per quanto riguarda la ripartenza dell’indicizzazione dal 2016 sono previsti valori scaglionati in funzione dell’importo di pensione. Chi prende una pensione di 1.700 euro lordi avrà una rivalutazione di 14 euro mese. Chi percepisce 2.200 euro avrà una rivalutazione di meno di 8 euro mese mentre chi incassa 2.700 euro di pensione, avrà poco meno di 5 euro mese. Resteranno all’asciutto circa 800mila pensionati, quelli che appunto percepiscono pensioni oltre i 2.900 euro lordi mensili.

Ci saranno chiaramente tantissimi ricorsi e class action a gogò. Resteranno all'asciutto anche migliaia di pensionati marchigiani. Io, come Marche 2020 sto, per quel poco che conto, con quei pensionati che vengono derubati oggi da Renzi e con quelli che sono costretti a sopravvivere con meno di 500 euro/mese e a cui il bulletto toscano negò persino gli 80 euro di regalia pre elettorale; sto con loro perché nella (ex) patria del diritto, il diritto non venga calpestato dal ducetto di turno.



paolo eusebi

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-05-2015 alle 17:25 sul giornale del 22 maggio 2015 - 1721 letture