contatore accessi free

Porti ed autonomia: i deputati Pd Pagani (Ravenna) e Lodolini (Ancona) chiedono incontro Ministro Delrio

Ministro Delrio 2' di lettura Ancona 12/07/2015 - I deputati Pd Pagani (Ravenna) e Lodolini (Ancona), che già in passato avevano preso insieme posizione sul ruolo dei rispettivi porti chiedono un incontro con Delrio.

Il Consiglio dei Ministri di venerdì 3 luglio c.a. ha approvato in via preliminare, il “Piano Strategico Nazionale della Portualità e della Logistica (PSNPL)” da adottarsi con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, dopo il previsto parere delle Commissioni competenti. Oggi ci sono finalmente le condizioni per dotare l’Italia di un piano della portualità e della logistica, atteso da decenni, per aiutare il sistema Italia a rafforzare i legami con le reti di trasporto dell’Unione Europea e a favorire il recupero dei traffici commerciali tra Europa e Oriente. Nel nuovo piano della portualità e della logistica - come ha precisato giorni fa il MIT - non è contenuto alcun accorpamento definito di autorità portuali, ma circola l'ipotesi di un'accorpamento di Ravenna ed Ancona, che non troviamo convincente.

Non sussistono motivazioni tecniche e industriali che giustifichino l'accorpamento, dal momento che l'autonomia di entrambe risponde alla logica di efficientamento degli scali, ricercata dal Governo. Ancona e Ravenna sono porti con caratteristiche e strategie commerciali diverse e non complementari. Non esistono forme di integrazione e di condivisioni dei servizi tra i due porti che possa produrre significativi risparmi di spesa o miglioramenti di efficacia. Entrambi sono porti "core", cioè porti che l'Europa stessa ha definito strategici e di valenza sovranazionale. Entrambi sono nodi strategici nel core network, ed in particolare delle opportunità di sviluppo del corridoio Baltico-Adriatico, come Venezia e Trieste. Nessuno dei 14 porti core italiani è stato accorpato ad altri, tranne Bari e Taranto che tuttavia appartengono alla stessa regione. A dar forza al nostro ragionamento è proprio il riferimento, nel comunicato del Consiglio dei Ministri sul tema, alla “rete di trasporto euro-mediterranea”.

Abbiamo chiesto congiuntamente un incontro al Ministro del Rio per discutere e valutare con lui le diverse possibili ipotesi di riorganizzazione che deriveranno dal Piano Strategico.

On. Alberto Pagani (Ravenna) e On. Emanuele Lodolini (Ancona)






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-07-2015 alle 18:25 sul giornale del 13 luglio 2015 - 928 letture

In questo articolo si parla di politica, lodolini, pagani, lettera, Porti, autonomia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/alP5





logoEV
logoEV