contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Movida estiva: arriva il divieto per gli alcolici dalle 22 da Ancona a Falconara

2' di lettura
1466

L'ordinanza arriva dopo i controlli congiunti delle Polizie Municipali di Ancona e Falconara dell'8 e 9 luglio scorsi. Dal patto di collaborazione stretto tra Foresi e Rossi arriva lo stop alla vendita di bevande alcoliche dopo le 22 in un'ordinanza presentata lunedì al Comune di Ancona.

Due Comuni sempre più vicini per combattere le mancanze economiche. Ancona e Falconara hanno iniziato una solida collaborazione nei controlli effettuati dalla Polizia Municipale delle due città. Dopo le ispezioni congiunilte di tutti gli stabilimenti balneari da Collemarino al termine di Falconara nella notte tra l’8 e il 9 luglio scorsi, l’Assessore alla Sicurezza del Comune di Ancona Stefano Foresi e il Vicesindaco di Falconara Marittima, Clemente Rossi hanno stretto un patto di collaborazione destinato a divenire duraturo e a garantire un’estate sicura sul litorale. “Nell’impossibilità di riuscire a far contenti tutti” – spiega il sindaco di Falconara Goffredo Brandoni – “la collaborazione diventa uno strumento fondamentale. Non è possibile eliminare la movida lungo il litorale di una città in cui si è fortemente sviluppata l’attività commerciale serale, ma controlleremo a sorpresa, aiutandoci a vicenda, che tutti gli stabilimenti rispettino le ordinanze”.

E di due ordinanze sindacali si tratta, la numero 84 del 30 maggio 2012, sulla vendita e somministrazione di alcolici, e la numero 38 del 09 giugno 2015 sulle emissioni sonore in determinati orari. Quest’ultima, spiega il Capitano della Municipale di Falconara Mirko Bellagamba, “è meno ristrettiva per Falconara”. Mentre, infatti, per Collemarino e Palombina vecchia viene concessa una dilatazione temporale alle emissioni sonore/musica fino all’1 di notte, i vicini di casa potranno continuare a far baldoria – su richiesta - fino alle 2 il martedì, giovedì, venerdì e sabato, con deroga sino alle 3 nel fine settimana. Feste che resteranno soft, dato il divieto di vendere bevande alcoliche dopo le 22 e di somministrarle all’interno dell’esercizio dopo l’1. Le multe per i trasgressori partiranno da duecentocinquanta euro. L’estate anconetana proseguirà quindi all’insegna dei controlli a sorpresa.

Per il Primo Cittadino del capoluogo, Valeria Mancinelli, ci si sta muovendo nella direzione giusta. “Siamo due Comuni separati solo da un cartello. Se in un periodo di ristrettezza economica riusciamo ad intervenire su un problema, coadiuvandoci, come abbiamo già fatto con gli asili nidi, ben venga. Ma ogni problema va commisurato alla sua scala. Non possiamo pensare di risolvere la questione rifiuti a livello di unioni di forze municipali. Su questo tema bisogna procedere almeno a livello provinciale. Noi siamo per l’area vasta e per raggiungerla la collaborazione è il futuro”.





Questo è un articolo pubblicato il 13-07-2015 alle 13:37 sul giornale del 14 luglio 2015 - 1466 letture