contatore accessi free

Mozione dimissioni Zaffiri dopo frase choc, l'assemblea legislativa da l'ok

2' di lettura Ancona 21/07/2015 - "Invito il consigliere Zaffiri a dimettersi, in quanto non adeguato al ruolo di vicepresidente, che non è un incarico personale ma di tutta l'Assemblea". Così il Presidente del Gruppo Pd in Consiglio regionale, Gianluca Busilacchi a chiusura della sua relazione sulla mozione discussa e approvata oggi durante l'Assemblea legislativa.

La mozione, annunciata ieri dallo stesso Busilacchi, contiene infatti la richiesta di dimissioni del vicepresidente del Consiglio regionale, Sandro Zaffiri, in relazione alla violenta esternazione verbale del consigliere leghista nei confronti del prefetto di Roma, Franco Gabrielli, dopo gli episodi di tensione verificatisi venerdì a Roma per la gestione dei profughi tra manifestanti e forze dell'ordine. "Oggetto della discussione - ha esordito Busilacchi nella sua relazione in Aula - non sono le modalità formali per arrivare alle dimissioni di Zaffiri, ma le frasi da lui pronunciate. Il suo comportamento ha esposto tutta l'Assemblea legislativa, non solo se stesso, al clamore della stampa nazionale. Quelle di Zaffiri - ha detto il capogruppo democrat - sono affermazioni molto gravi, non credo siano tollerabili. Oltre ad essere forti e violente, le sue frasi contengono anche minacce".

Quindi Busilacchi è andato oltre. "Non è utile soffermarci sull'oggetto latente delle affermazioni, cioè l'immigrazione, piuttosto dobbiamo riflettere sulle modalità con cui le critiche, seppur legittime, vengono portate avanti. Se si rappresenta un'istituzione, infatti, - ha sottolineato il capogruppo democratico - bisogna avere un forte senso di responsabilità. Tutti noi dobbiamo sapere che le frasi che pronunciamo hanno effetti anche sulla comunità. La nostra regione non ha mai avuto una connotazione di volgarità e violenza come è avvenuto come con questo episodio, che va condannato e rigettato".

Poi una seconda riflessione. "Anche se Zaffiri ha avanzato delle pseudo giustificazioni, dicendo che gli elettori che lo hanno votato hanno bisogno di parole radicali, voglio ricordare che si può essere radicali rimanendo nei confini della civiltà e della democrazia. Per questo episodio non ci può essere alcuna giustificazione. Viviamo in un tempo - ha proseguito Busilacchi - in cui alzare i toni può portare più attenzione, ma tale comportamento va fermato con grande nettezza, altrimenti si entra in una spirale per cui, pur di avere attenzione dai media, tutto sia lecito. Tale atteggiamento, però, non è connesso alla risoluzione dei problemi dei cittadini, a cui noi qui siamo chiamati".

Il Presidente del Gruppo Pd si è, quindi, detto consapevole che le norme attuali non prevedono modalità dirette di sfiducia nei confronti del vicepresidente, per cui ha invitato l'Ufficio di Presidenza a rivedere il regolamento perché chiunque dei propri componenti si macchi di fatti particolarmente gravi possa essere rimosso.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-07-2015 alle 17:50 sul giornale del 22 luglio 2015 - 1181 letture

In questo articolo si parla di attualità, gianluca busilacchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/amfx





logoEV
logoEV