Falconara: sversamenti in spiaggia. Sindaco Brandoni e Ass. Astolfi: "Situazione non accettabile, ne tollerabile"

Goffredo Brandoni 2' di lettura 29/07/2015 - La situazione del sistema fognario di Falconara non è più accettabile ne tollerabile dall’Amministrazione Comunale di Falconara marittima.

Il sottoscritto Assessore all’Ambiente, assieme al Sindaco Goffredo Brandoni, è da diversi anni che cerca di stimolare e sensibilizzare tutti gli Enti preposti al fine di potenziare e migliorare il sistema fognario falconarese che paga lo scotto di una infrastruttura vecchia e sottodimensionata per le reali necessità della città. Tanto più che lungo il litorale falconarese passa il collettore fognario che va da Torrette fino al depuratore Vallechiara e che quindi subisce anche il sovraccarico delle acque fognarie provenienti dal Comune di Ancona, oltre a quelle degli altri Comuni della bassa Valle Esino.

L’amministrazione falconarese chiede una presa di posizione a tutti i soggetti destinatari di questa lettera ufficiale (che si allega ndr) e deputati alla gestione ed alla programmazione degli investimenti sul sistema fognario. Primi fra tutti la Regione Marche, l’AATO (Consorzio Autorita' Di Ambito Territoriale Ottimale n.2) e la Multiservizi SpA devono impegnarsi fattivamente al fine di reperire le risorse economiche necessarie alla sistemazione e miglioramento del sistema fognario di tutto il compresorio afferente al Depuratore Vallechiara, per il quale il Comune di Falconara sta subendo tutte le ricadute negative senza averne alcun beneficio.

Inoltre la situazione sembra ogni anno di più aggravarsi, tant’è che adesso anche per eventi temporaleschi di non rilevante entità si verificano sversamenti degli scolmatori a mare dovuti alla insufficiente capienza delle condotte fognarie cittadine. Il Comune e l’Assessorato all’Ambiente è attento alla salute della cittadinanza ed a scopo cautelativo ha emesso una ordinanza, la numero 35 del 22 Maggio 2015, nella quale si precisa tutti i compiti dei soggetti interessati che devono essere svolti ogni qual volta accade uno sversamento di breve durata e stabilisce le attività di messa in sicurezza e comunicazione rivolta a salvaguardare i bagnanti.

Eventi sciagurati come lo sversamento dei liquami fognari devono essere evitati assolutamente per tutelare la salute dei bagnanti e l’ambiente marino dell’intero Golfo di Ancona, visto anche che gli sversamenti non hanno riguardato solo gli scolmatori del Comune di Falconara ma anche quelli dei Comuni limitrofi. Nella lettera inviata ieri chiediamo precisi impegni agli Enti competenti affinchè si prevedano immediatamente la programmazione ed il finanziamento delle opere necessarie al risanamento della rete fognaria pubblica. La lettera è stata indirizzata anche ad ASUR, Capitaneria di Porto e Arpam, e per conoscenza anche al Ministero dell’Ambiente, alla Procura della Repubblica ed alla Prefettura di Ancona.

Firmato Assessore all’Ambiente del Comune di Falconara Marittima Ing. Matteo Astolfi






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-07-2015 alle 18:41 sul giornale del 30 luglio 2015 - 2129 letture

In questo articolo si parla di attualità, falconara marittima, Comune di Falconara Marittima, goffredo brandoni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/amCI





logoEV
logoEV