Falconara: da prostituta a manager del sesso. Nei guai una 34enne domenicana

sfruttamento della prostituzione 1' di lettura 06/08/2015 - Da prostituta a manager della prostituzione. Una 34enne domenicana, ben nota alle poliziotte della Squadra Mobile di Ancona, la “Buoncostume”, è stata denunciata. La donna sfruttava una connazionale 25enne.

La donna, da tempo era sposata con un italiano per non rischiare l’espulsione dallo stivale, si era infatti ritirata dall’attività per darsi alla "gestione". Aveva però lasciato tutto in mano ad una connazionale 25enne che aveva fatto arrivare in Italia con la promessa di un lavoro. Il lavoro consisteva in realtà nel prostituirsi. La giovane abbordava i clienti sul lungomare di Falconara Marittima per poi appartarsi con loro in un vicino monolocale, preso in affitto dalla sua "datrice" di lavoro.

Era quest’ultima poi a riscuotere regolarmente, sebbene "in nero", cinquanta euro al giorno dalla sua dipendente. Scatta dunque la denuncia sulla manager della catena del sesso. L'accusa per lei è favoreggiamento della prostituzione. Denunciata inoltre anche per la proprietaria dell’appartamento. Si tratta di una modenese, informata più volte dalla Polizia che nel suo immobile si esercitava l’antica professione. Nonostante ciò, anche lei continuava a ricevere regolarmente gli affitti, senza provvedere minimamente a collaborare e attirandosi invece le ire dei condomini, che avevano segnalato il continuo viavai di poliziotti e di clienti.


di Enrico Fede
redazione@vivereancona.it

 





Questo è un articolo pubblicato il 06-08-2015 alle 14:28 sul giornale del 07 agosto 2015 - 846 letture

In questo articolo si parla di cronaca, sfruttamento della prostituzione, articolo, Enrico Fede

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/amVj