Jesi: la Mobile dorica sgomina una casa squillo gestita da sudamericane. Il sesso a tre la loro specialità

Prostituzione 1' di lettura Ancona 10/08/2015 - Faceva prostituire due connazionali con annunci su siti porno. Dopo una segnalazione dei condomini di un palazzo di Jesi - preoccupati per il via vai in un appartamento affittato da due settimane a tre sudamericane – i poliziotti anconetani, collaborando con il Commissariato locale di Polizia Stradale, sono entrati in azione.

Sono risaliti agli annunci, trovando quelli che una dominicana 31enne, naturalizzata spagnola, aveva inserito decantando le abilità delle due connazionali più giovani e spiegando che erano pronte a soddisfare qualunque desiderio e a lavorare anche in coppia. Per verificare la veridicità dell’inserzione, un poliziotto si è finto cliente, ha telefonato al numero pubblicizzato e ha concordato un appuntamento. Presentatosi all’orario stabilito all’indirizzo in questione è stato accolto dalla dominicana con cui aveva conferito al telefono. La donna gli ha offerto la prestazione di una sola ragazza in cambio di sessanta euro. Alla richiesta dell’agente sotto copertura riguardo alla possibilità di utilizzare contemporaneamente una seconda ragazza, la cifra è semplicemente salita a cento.

Le prove erano ormai inequivocabili, così il poliziotto ha fatto intervenire i colleghi rimasti all’esterno, che alla conclusione del blitz hanno portato le tre donne in Questura. La 31enne è stata denunciata, mentre le due prostitute – una 22enne e una 23enne sempre dominicane naturalizzate spagnole – sono state avviate le verifiche sulla regolarità del soggiorno sul territorio nazionale per i cittadini europei.


di Enrico Fede
redazione@vivereancona.it

 





Questo è un articolo pubblicato il 10-08-2015 alle 13:25 sul giornale del 11 agosto 2015 - 889 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, Enrico Fede

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/am3g