"Scholanova" a Varano, il progetto di un centro polifunzionale e socioculturale permantente

2' di lettura Ancona 22/08/2015 - Scuola in origine significava luogo di lettura e confronto, spazio dove si produce cultura in modo piacevole. L’associazione Scholanova trasforma questa idea in un progetto e propone il recupero della ex scuola di Varano, con l’obiettivo di creare un centro polifunzionale socio-culturale e di apprendimento permanente.

Partendo dall’autocostruzione partecipata, con il “Cantiere Scuola” in collaborazione con il Comune di Ancona, l’Università Politecnica delle Marche e altri enti, sulla collina che guarda il Conero e strizza l’occhio all’Adriatico, si sta progettando un luogo da condividere e una fucina di idee. Le iniziative e le attività messe in pista sono già tante. La settimana dedicata al 41° festival del dialetto, verrà accompagnata dalla rassegna “L’ARTE DELL’ASCOLTO…SCHOLANOVA RACCONTA”.

Musica, parole, immagini, sono gli ingredienti che compongono il variegato menù culturale, che vede alternare diversi linguaggi artistici, espressioni della creatività e vitalità di un territorio, di cui l’associazione Scholanova si fa portavoce attivo. Si comincia giovedì 27 agosto, con la presentazione del concorso fotografico “Volti e stagioni del borgo di Varano”, piazzetta pittori di Varano. Si continua venerdì 28 con la voce del soprano Andrea Ferreira, che si esibirà sul palco della piazza. Luciano Minerva (ex-giornalista RAI news 24) sabato 29 agosto, presso la ex scuola, intervista Libereso Guglielmi, il giardiniere di Italo Calvino. Nello stesso luogo, lunedì 31 è la volta delle percussioni e delle vocalizzazioni, grazie al laboratorio di Musicoterapia guidato da Carlo Celsi.

Restiamo in ascolto venerdì 4 settembre: nella piazzetta la band di Stefano Mincone ci regala sonorità che richiamano la musica mediterranea in chiave jazz & soul. Il ciclo si chiude sabato 5 settembre, con la scrittrice Laura Appignanesi, che, all’ombra del giardino della ex scuola, propone un mosaico di storie con parole e musica. Per completare il menù, non poteva mancare il racconto di Simonetta Sfoglina, con i laboratori della pasta. Il fil rouge è costituito dalla narrazione, che utilizza la fantasia e i diversi alfabeti dell’arte, per trasmettere valori e tradizioni. Tutti gli eventi avranno inizio alle 17.30, tranne l’esibizione di Andrea Ferreira che avrà luogo alle 21.30. Ingresso gratuito.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-08-2015 alle 10:12 sul giornale del 24 agosto 2015 - 1516 letture

In questo articolo si parla di cultura, università politecnica delle marche, varano di ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/annF





logoEV