Ladro troppo avido viene inseguito da una sua vittima e finisce nei guai

Polizia di stato 1' di lettura Ancona 29/08/2015 - Un ladro troppo ingordo finisce nelle grinfie della polizia.

Erano circa le 11.00 di giovedì quando una donna stava compilando un bollettino alle Poste Centrali del capoluogo. Nel farlo aveva lasciato il suo smartphone sul bancone e il 42enne, pluripregiudicato, glielo aveva prontamente soffiato. Data la facilità con cui aveva ottenuto un simile bottino, il furfante ha quindi deciso di cercare una nuova vittima per le vie del centro. Ignorava però che le Volanti erano già state allertate dalla sua prima preda.

Meno di un’ora dopo era arrivata un’altra chiamata al 113. Una 40enne anconetana all’interno di un esercizio commerciale si era vista sottrarre da sotto il naso il suo Samsung S6 che aveva appoggiato sul bancone e si era data all’inseguimento del malvivente. La fuga di quest’ultimo non è durata molto. Gli agenti lo hanno individuato mentre si aggirava con fare sospetto in Corso Garibaldi. Lo hanno quindi accompagnato in questura, dove gli sono stati trovati ancora nelle tasche dei pantaloni i due costosi cellulari. Ora, oltre ai suoi precedenti reati contro la persona e il patrimonio dovrà rispondere a quello di furto. I due telefoni sono stati restituiti alle proprietarie.


di Enrico Fede
redazione@vivereancona.it

 





Questo è un articolo pubblicato il 29-08-2015 alle 13:10 sul giornale del 31 agosto 2015 - 1655 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia di stato, articolo, Enrico Fede

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/anAJ