contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
comunicato stampa

Al via l'anno scolastico 2015-2016, tra le novità la riapertura delle sette scuole chiuse per problemi statici

12' di lettura
2823

valeria mancinelli

Piano dell'Offerta Formativa

Progetto “Agorà Ancona”:

è finalizzato all'integrazione linguistica e sociale degli alunni stranieri e delle loro famiglie; si attua in collaborazione con le scuole nelle quali i Dirigenti scolastici organizzano laboratori linguistici di 1° e/o 2° livello, rispettivamente dedicati all’insegnamento della lingua per la semplice comunicazione e alla lingua per lo studio e la riflessione. “Promozione dell’agio e contrasto al disagio in ambito scolastico”: è un programma di lavoro essenziale ed importante. Con le risorse erogate agli Istituti Comprensivi, le scuole hanno svolto interventi di psicologia scolastica, incontri con le famiglie e coi docenti. La prevenzione del disagio scolastico è considerato dall’amministrazione un importante aspetto nell’ambito del complessivo programma di offerta formativa, perché il disagio psicologico può portare anche all’insuccesso scolastico che, a sua volta, è fonte di frustrazione per l’alunno.

Cultura , istruzione “Teatro - educazione”:

L’ Assessorato alla Pubblica Istruzione intende proseguire la positiva esperienza del “teatro/educazione”. Ne è nato un programma articolato e condiviso dai Dirigenti scolastici denominato “Percorsi laboratoriali in rete di educazione alla drammatizzazione e al teatro”, nel quale ogni associazione teatrali individuerà temi, metodi e proposte per ogni grado di scuola che parteciperà al progetto. L’attività teatrale contribuisce allo sviluppo delle competenze linguistiche (verbali e non verbali), relazionali (lavorare in gruppo), affettive (superamento della timidezza) e critiche (capacità di discernimento tra realtà e finzione). Ben si comprende come con l’attività teatrale si possa anche arricchire il tema dell’agio e del disagio scolastico. Capofila del progetto è il Teatro del Canguro Proposte di educazione alla lettura, anche in collaborazione con la Biblioteca comunale Benincasa, con particolare riguardo a “Nati per leggere”, progetto diffuso sul piano nazionale e per la cui realizzazione i rispettivi servizi hanno già svolto incontri di aggiornamento e approfondimento. E' un appuntamento ormai consueto anche “Un libro per l'ambiente” in collaborazione con Legambiente Marche, un “confronto” di lettura tra le scuole che si svolge per tutto il corso dell'anno.


Ambiente, qualità della vita

Dall'inizio dell'anno scolastico collaboreremo, come sempre in questi ultimi anni, con ATA Rifiuti per il progetto ormai apprezzato “Personaggi in cerca d'autore” ideato dai responsabili della comunicazione e realizzato grazie alla collaborazione dei Comuni, soprattutto il capoluogo, e delle scuole. Negli anni scolastici precedenti il progetto ha visto la partecipazione di circa 1200 alunni delle scuole primarie di Ancona, per un totale di 3226 studenti (23 plessi) della zona coperta dai servizi di igiene urbana. La proposta progettuale “Personaggi in cerca d'autore” verrà riproposta anche in questo anno scolastico, con modalità differenti soprattutto per differenziare il gioco educativo all'interno delle scuole e creare così di anno in anno maggiore partecipazione e interesse. I ragazzi saranno informati attraverso i personaggi della fantasia (Plasteo, Orgon, Vetrasia, Cartalia, Riuser) sui materiali da essi rappresentati e dovranno ideare racconti, storie, rappresentazioni teatrali; contemporaneamente anche i docenti potranno partecipare a un corso di aggiornamento gratuito sulla scrittura creativa.

Gli iscritti

Sono quasi novemila, suddivisi in 402 classi, con 1.551 alunni stranieri, i bambini anconetani delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, che a giorni saranno chiamati sui banchi di scuola. “Si avvia un anno scolastico di grandi attese e buon auspicio – afferma l’assessore alle Politiche Educative Tiziana Borini - . Grazie al ripristino di diverse strutture scolastiche e ad un lavoro costante e proficuo sul fronte dei servizi scolastici offerti dal Comune di Ancona, siamo in grado di affermare che sono state poste le basi per completare l’assetto organizzativo delle nostre scuole. Quest’anno contiamo di consolidare un lavoro di rete e sinergia tra gli istituti comprensivi che, per esempio, ha portato alla realizzazione di un protocollo d’intesa per l’utilizzo delle palestre scolastiche da parte delle società sportive e all’implementazione del servizio di Piedibus”. Attivo anche il servizio scuolabus per il quale al Comune quest’anno sono giunte oltre 900 domande. Sono in corso le ammissioni ai nidi d’infanzia per i quali la capienza totale è di 525 posti più 21 posti convenzionati con servizi privati. I bambini già frequentanti sono 265 mentre i nuovi ammessi al momento sono 245. Si conta di arrivare a raggiungere il totale dei posti disponibili; in alcuni nidi si sono esaurite le graduatorie. Alla data odierna in lista di attesa 61 domande per altrettanti bambini. Per il servizio mensa, per il quale sono giunte sinora 3.200 domande che sicuramente aumenteranno, saranno operativi cinque centri di cottura (Babyfood, Redipuglia, Gramsci, Fantasia e Montedago) dove vengono preparati i pasti che vengono poi trasportati e distribuiti nei 38 refettori delle scuole anconetane.

I lavori

Nel mese di agosto 2013 la Dirigente dei servizi scolastici relazionava sullo stato delle strutture scolastiche evidenziando che sette plessi erano chiusi per problemi statici:

- le Socciarelli del Ghettarello;

- le Domenico Savio di via Torresi

- le Antognini;

- le Leopardi di via Veneto;

- le Volta di Collemarino

- la scuola materna Regina Margherita,

- le Garibaldi di via Torrioni (scuola materna)

“A distanza di due anni – afferma l’assessore ai Lavori Pubblici, Maurizio Urbinati - possiamo dire che tutte queste criticità, alcune delle quali aspettavano anche da un decennio, sono state risolte nonostante la grave mancanza di risorse economiche. La scuola media Volta di Collemarino è stata recuperata ed è già utilizzata dall’anno scolastico 2013-14. Della scuola elementare Domenico Savio di via Torresi è stato completato il primo stralcio di € 1.500.000 che la rende già perfettamente utilizzabile e nel corso di quest’anno saranno avviate le procedure di appalto del secondo ed ultimo stralcio sempre di € 1.500.000 dei quali € 500.000 di fondi propri del comune ed € 1.000.000 di contributo regionale ottenuto grazie alla progettualità degli uffici tecnici comunali. A partire da questo anno scolastico sarà di nuovo utilizzabile la scuola media Leopardi di via Veneto che ospiterà oltre la scuola media anche le Antognini che fino allo scorso anno erano divise in ben tre plessi scolatici. In tal modo verrà riunificata in una unica sede completamente ristrutturata. E’ di questi giorni l’affidamento dei lavori del primo stralcio dell’ampliamento delle scuole Collodi che ospiteranno le elementari Socciarelli del Ghettarello che riguarda opere interne alla scuola esistente, e subito dopo seguirà l’appalto del secondo stralcio relativo all’ampliamento vero e proprio che sarà realizzato con tecniche sperimentali (strutture portanti in legno) al fine di ridurre i tempi di esecuzione dei lavori e avere un edificio ad alta efficienza energetica, i lavori dovrebbero terminare entro il 2016 per consentire l’uso del plesso fin dal prossimo anno scolastico – prosegue l’assessore Urbinati -. La ex scuola regina Margherita è stata riconvertita recuperando il piano terra come luogo per attività diurna da parte di soggetti diversamente abili. La scuola materna Torrioni ha invece trovato adeguato spazio nella vicina scuola elementare Faiani Infine, in questi giorni avranno finalmente avvio i lavori di rifacimento del muro di sostegno di via Mercantini a Palombina, si stanno ultimando i lavori di manutenzione dell’asilo nido Agrodolce di Collemarino e la realizzazione dell’installazione del montacarichi per l’abbattimento delle barriere architettoniche alla scuola elementare Maggini delle Grazie”. L’intervento alle Maggini sarà pronto per l’avvio della scuola. Importo lavori con cofinanziamento di Cariverona pari a 46 mila euro. Terminati i lavori alla scuola materna Ferrante Aporti con i quali è stata creata una terza sezione per un aumento di iscritti. E’ stato realizzato l’adeguamento delle aule ed i servizi igienici oltre allo spazio refezione; totale intervento15mila euro. Elementare Piertalacroce opere realizzate con la preziosa collaborazione di alcuni rappresentanti dei genitori che a titolo di volontariato hanno collaborato con gli uffici tecnici del Comune di Ancona procurando sia materiale che interventi a costo zero. Pertanto anche qui i lavori saranno terminati per inizio scuola. Realizzata la sistemazione di tutti i servizi igienici della scuola oltre alla creazione del bagno per handicap. Costo contenuto del 50 per cento, meno di 10 mila euro.

COLLODI

I lavori di riqualificazione della attuale parte della scuola Coloodi, che ammontano a 490 mila euro, inizieranno a metà settembre e si è concordato con la dirigente scolastica e il dirigente vicario una organizzazione interna delle classi per consentire lo svolgimento dei lavori senza comunque creare disagio ai bambini. Si tratta di tutti lavori che possono essere eseguiti senza interferire con il regolare svolgimento della attività didattica. Per quanto riguarda l’ampliamento della scuola che ospiterà la Socciarelli, attualmente collocata presso le Tombari, la gara sarà espletata presumibilmente entro la metà di ottobre, per la fine dell’anno potranno essere aggiudicati i lavori. Il costo dell’intervento è di un milione mezzo di euro, comprensivo della ristrutturazione.

LEOPARDI

I lavori sono terminati, in questi ultimi giorni saranno effettuati gli ultimi ritocchi per rendere più gradevole la scuola. In questo caso le opere sono state realizzate grazie a tre finanziamenti provenienti da Stato e Regione ed intorno al milione e mezzo di euro e completamente a costo zero per il Comune di Ancona. Dal 31 agosto avvio alla asfaltatura di via Veneto per non intralciare il successivo trasloco degli arredi della scuola Leopardi fino ad ora nel plesso Ferrucci in via Cadore e della scuola primaria Antognini, che attualmente era dislocata in parte al plesso Ferrucci e in parte alla scuola media Donatello.

MERCANTINI

E’ imminente ai primi di settembre l’inizio dei lavori della mura a monte della scuola Mercantini a Palombina, e riguarda l’area interna ed esterna del plesso scolasico, oltre a vari lavori all’interno ed esterni dell’edificio, la somma è di circa 100.000 €. Inoltre sono in corso i lavori del piedibus nella scuola di Torrette.

GESTIONE CALORE

La ditta Olicar aveva vinto la gara per la gestione del calore. Oltre al prezzo aveva offerto anche le migliorie da apportare agli impianti. Nell’ambito dell’accordo tra Comune e Olicar si è deciso di provvedere alla sostituzione degli infissi nelle scuole elementari Don Milani e media Fermi di Torrette; alla scuola Maggini sarà rifatta tutta la copertura della scuola e la palestra, e gli infissi. Alla materna Ginestra sistemazione impianto termico, alla materna Tombari copertura e parte delle vetrate, alla media Donatello sistemazione degli infissi dei locali che erano occupati dal museo Omero. Si tratta di un primo blocco di interenti a cui ne faranno seguito altri in diversi edifici scolastici, secondo una programmazione concordata fra i tecnici dell’assessorato ai Lavori Pubblici, i responsabili della ditta Olicar e l’Assessore alle Politiche Educative e Scolastiche che ha individuato le priorità. Come sempre sono state svolte una serie di manutenzioni ordinarie in diversi plessi. E’ stato inoltre approvato dalla Giunta la presa d’atto di un protocollo di intesa tra amministrazione comunale e istituti comprensivi per l’utilizzo delle palestre scolastiche da parte delle società sportive. L’obiettivo era quello di uniformare i criteri per l’utilizzo delle palestre scolastiche in tutta la città garantendo uno standard di servizio e una migliore fruizione da parte dell’utenza.

Servizio Mensa

Continua per l’anno scolastico 2015/16 la modalità di gestione delle mense comunali avviata lo scorso anno: tre cucine restano gestite con personale dipendente comunale e due cucine sono affidate a società di ristorazione di livello nazionale. Nel complesso abbiamo cinque centri di cottura (Babyfood, Redipuglia, Gramsci, Fantasia e Montedago) dove vengono preparati i pasti che vengono poi trasportati e distribuiti nei 38 refettori dal personale di una cooperativa sociale tipo B che quindi offre una possibilità di inserimento lavorativo a persone svantaggiate che altrimenti avrebbero serie difficoltà a trovare un’occupazione. Il menù si basa sia su alimenti biologici che convenzionali fra cui l’Amministrazione ha fatto scelte di qualità acquistando prodotti come: formaggi DOP (Asiago, Parmigiano Reggiano, Casciotta d’Urbino, Provolone Valpadana), prosciutti DOP (Parma, Carpegna), bresaola DOP, prosciutto cotto senza polifosfati. Il menù si basa sul modello mediterraneo per gli apporti nutritivi secondo i LARN (Livelli di Assunzione giornaliera Raccomandati di energia e Nutrienti per la popolazione italiana) elaborati dall’Istituto Nazionale di Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione in qualità di standard nazionali indicati dal Ministero della Sanità. Inoltre il menù, differenziato a seconda della stagionalità dei prodotti, cambia fra estivo ed invernale, e cambia anche fra asili nido e scuole dell’infanzia - primarie. Il Comune di Ancona ha aderito al progetto regionale “Pappa fish” con lo scopo di introdurre nelle mense pesce fresco di provenienza regionale. Il progetto si è appena concluso con notevole successo fra bambini e famiglie coinvolte. Si sta attendendo la riedizione, da parte della Regione Marche, del nuovo bando per ripetere il progetto. Massima attenzione viene posta ai controlli sulle derrate che sono sia interni (ad opera di un nucleo tecnico di valutazione appositamente istituito con personale comunale), che esterni, questi ultimi in convenzione con l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale Marche Umbria. Massima attenzione viene posta anche alla formazione del personale su questioni igienico sanitarie, perché siamo convinti che la consapevolezza sia un presupposto indispensabile alla prevenzione. Il servizio di ristorazione scolastica fornisce anche, sulla base di specifiche motivazioni di ordine sanitario o socio-religiose, menù particolari, rispettosi delle esigenze/bisogni. Al riguardo si deve purtroppo registrare che i menù personalizzati per intolleranze alimentari sono in costante aumento. La mensa è anche un momento partecipativo. Per questo nel regolamento comunale della ristorazione abbiamo previsto l’istituzione dei comitati mensa a cui possono aderire genitori ed insegnanti. I comitati hanno un valore consultivo, propositivo e di verifica del servizio, di notevole importanza. Attualmente ci sono circa 3.200 iscritti al servizi mensa ma le iscrizioni continuano seppur con un afflusso moderato.



valeria mancinelli

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-08-2015 alle 16:05 sul giornale del 01 settembre 2015 - 2823 letture