contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
comunicato stampa

Contro gli sfratti l'Unione Inquilini Marche organizza un presidio davanti al Comune

2' di lettura
1057

Ancona 10 ottobre 2015 - dalle 10,00 alle 12,00 In piazza xxiv maggio davanti al Comune di Ancona Presidio per una città a “sfratti zero” Chiediamo a Comune e Regione Urgenti politiche abitative: più incisive ed attente Che la città di Ancona sia dichiarata città a sfratti zero Per gli sfrattati, sia garantito il passaggio da casa a casa

No agli sfratti Se perdi il lavoro, perdi anche la casa, Quando perdi la casa, perdi anche la famiglia. Questa crisi la stanno pagando solo i più deboli. Anche nelle Marche ed ad Ancona morde la crisi economica, i licenziamenti, le precarietà lavorative hanno ulteriormente aggravato la già difficile situazione in atto. In tale contesto spicca la totale assenza da parte del Governo Renzi, di programmi e iniziative tendenti ad affrontare in maniera decisa un problema che è strutturale. Lavoro e casa sono le due colonne portanti dell’emergenza sociale che vede i cittadini delle fasce più deboli, fare i conti con un ingiustizia enorme e crescente, ai limiti della umana sopportazione.

L’edilizia residenziale pubblica a canone sociale è stata completamente abbandonata nonostante che nelle graduatorie comunali figurino circa 1.300 famiglie, la maggior parte con nessuna speranza di avere un’abitazione. Esiste un reale fabbisogno di famiglie di sfrattati, giovani precari, lavoratori e pensionati, un insieme di persone che noi definiamo “sfruttati e sfrattati”. Ad oggi su gli sfratti l’unico vero “ammortizzatore sociale” è venuto dalla pratica dei picchetti antisfratto impediscono l’esecuzione di sfratti per i quali non è previsto il passaggio da casa a casa. Nella Regione Marche e nel Comune di Ancona c’è un patrimonio immobiliare in parte sfitto, abbandonato, o sotto utilizzato; nel resto d’Italia si è costruito e si costruisce molto, ma 5 milioni di alloggi sono ancora sfitti, pronti per la speculazione edilizia e fondiaria. A tutto questo vogliamo dire no!!

Il giorno 10 del mese di ottobre in tutto il mondo è dedicato alla mobilitazione straordinaria contro gli sfratti da una campagna internazionale denominata “Sfratti Zero”. In questa giornata decine e decine di città italiane, associazioni, comitati, centri sociali, sindacati, enti locali, promuovono iniziative coordinate e unitarie per chiedere il blocco generalizzato degli sfratti, il passaggio da casa a casa per gli sfrattati, politiche abitative pubbliche, l’utilizzo pieno del patrimonio pubblico inutilizzato, che la questione sfratti entri nell’agenda politica nazionale. Ancona, città a “sfratti zero” Marche, una regione a “sfratti zero” No agli sfratti senza passaggio da casa a casa!



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-10-2015 alle 19:19 sul giornale del 10 ottobre 2015 - 1057 letture