Gestione associata provinciale dei rifiuti, Cgil Cisl e Uil: 'Progetto ambizioso ma unica via per evitare privatizzazioni'

Cgil Cisl Uil 3' di lettura Ancona 03/11/2015 - In una fase di vivace discussione su tassazione locale e qualità dei servizi, di “spending review” e messa in efficienza delle aziende pubbliche, non è possibile per nessun interlocutore – istituzionale e politico – sottrarsi all'onere della verifica di coerenza fra scelte annunciate e concrete decisioni amministrative.

Nella provincia di Ancona, questo vale in particolare per la tematica della gestione associata dei rifiuti per i quali è da tempo in campo una concreta ipotesi di creazione di una unica società pubblica per l'intero Ambito (ovvero provincia): esattamente come previsto dalla legge.

Oltre un anno fa (1 luglio 2014) – nel corso di un convegno organizzato a Jesi alla presenza di parecchi amministratori locali - CGIL CISL UIL della provincia di Ancona hanno rilanciato e difeso quel progetto capace di garantire un salto di qualità nell'erogazione ed il governo oculato di un servizio fondamentale per le comunità locali.
Si tratta certamente di un percorso complesso, che va costruito nel consenso delle comunità e nella tenacia degli intenti da parte degli enti locali, valorizzando l'occupazione esistente e la capacità del “pubblico” di essere - ad un tempo - efficiente soggetto programmatore ed erogatore proprio perchè forte di una dimensione aggregata, ma sempre strettamente legata alle esigenze dei territori.

Gestione ambientale e moderno sistema di raccolta e gestione dei rifiuti sono sempre più temi intrecciati; una attenta progettazione di sistema può traguardare – in pochi anni – risultati importanti sia sul fronte degli investimenti che su quello delle infrastrutture dedicate, permettendo così di stabilizzare una effettiva riduzione di costi e di tariffe per l'utenza.

Come OO.SS. non crediamo esistano reali alternative ad un simile ambizioso progetto, pena l'ennesima privatizzazione a danno sia dell'occupazione che del'effettiva capacità di gestione strategica del sistema da parte degli enti locali e, quindi, delle comunità interessate. In questi mesi molti attori hanno fatto la loro parte, consentendo che questa innovazione territoriale potesse iniziare ad avere forme e tempi chiaramente inquadrabili.

* L'ATA ha avviato la discussione di “governo” del sistema con tutti gli enti interessati e alcune delle gare intervenute nel frattempo hanno visto inserita una clausola temporale di salvaguardia ;

* ”Anconambiente” e “Jesiservizi” – in un confronto intenso e non sempre facile con le OO.SS. di categoria – hanno già siglato protocolli d'intesa diretti a regolamentare il futuro, auspicato, passaggio delle attività dedicate (tramite cessione di ramo aziendale) alla futura nuova Azienda pubblica provinciale;

* Confronti di merito avanzati si sono realizzati al CIS (Vallesina), alla Sogenus (discarica di Maiolati).

E' necessario che la scelta dell'azienda unica pubblica provinciale diventi patrimonio largamente condiviso e oggetto di un preciso mandato operativo dei singoli enti locali nel rispetto dei passaggi formali previsti e dei tempi dati.

Le OO.SS. non accetteranno inerti percorsi diversi, che aprano la strada a multinazionali estere o a gruppi privati nazionali, mossi esclusivamente dall'idea di profitto.

Nelle prossime settimane, CGIL CISL UIL chiederanno di incontrare i principali Sindaci della provincia di Ancona per capire l'effettivo avanzamento del progetto e verificare problematicità e sostanziali volontà di procedere.

A breve, è intenzione delle OO.SS. promuovere nuove iniziative pubbliche di sensibilizzazione, confronto e sostegno al progetto di azienda pubblica provinciale di gestione dei rifiuti, anche a riscontro degli incontri realizzati con gli enti locali.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-11-2015 alle 10:17 sul giornale del 04 novembre 2015 - 338 letture

In questo articolo si parla di attualità, cgil, provincia di ancona, cisl, uil, cgil cisl uil, gestione associata dei rifiuti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/apYS





logoEV