Riceve a Roma il premio Minerva Fabrizia Lattanzio, direttrice scientifica dell'Irccs Inrca di Ancona

3' di lettura Ancona 26/11/2015 - La Ricerca Inrca premiata. Fabrizia Lattanzio, Direttrice Scientifica dell’Irccs Inrca – Istituto Nazionale Riposo e Cura Anziani, oggi (Giovedì 26 Novembre, ore 19:30) riceve il “Premio Minerva Anna Maria Mammoliti” a Roma, presso la Sala della Protomoteca in Campidoglio.

Il prestigioso riconoscimento, giunto quest’anno alla XXVI edizione, viene assegnato ogni anno alle donne che operano nei campi del "Sapere" e che, simbolicamente, rappresentano modelli femminili di eccellenza per le loro capacità professionali e i valori positivi di cui sono portatrici. Primo premio in Italia al femminile, è stato istituito nel 1983 dall'associazione culturale “Il Club delle Donne”, creato nel maggio del 1982 con l’obiettivo di rappresentare i nuovi bisogni della donna nella società moderna e di mantenere sempre vivo il suo legame con la società. La Direttrice è stata premiata per il forte impulso dato all’Istituto.

Sotto la sua guida, i fondi vinti per la ricerca a progetto provenienti da bandi europei e ministeriali dal 2009 al 2014 sono stati circa 23 milioni e 500 mila euro, di cui solo 12 milioni e 700 mila euro nell’ultimo anno. Fondi con cui l’Inrca ha potuto assegnare incarichi a 42 ricercatori, coinvolti in progetti di studio sulla terza età a tutto campo, anche in ambito sociale. “Un settore – spiega la Dott.ssa Lattanziodove è sempre più importante investire. La ricerca di eccellenza può favorire l’avanzare dell’età in salute, la cosiddetta longevità attiva, intesa anche come opportunità per la società, che vede una popolazione anziana sempre più numerosa”. Infatti, secondo alcune stime europee, entro il 2060 il 30% delle persone avrà 65 anni o più. Otto le donne che hanno ricevuto il prestigioso riconoscimento, rappresentato da una preziosa spilla raffigurante la Dea Minerva disegnata dal Maestro Renato Guttuso nel 1983.

Per la sezione Donne nel Mondo, il Premio all'Impegno Politico è andato a Roza Isakovna Otunbayeva, presidente del Kirghizistan dal 2010 al 2011 e vice-presidente dell'Unesco (1989-1991). Ai Diritti Umani e Civili, il riconoscimento è andato a Joyce Aluoch, primo vice-presidente della Corte Penale Internazionale, che ha dedicato gran parte della sua carriera alla formazione per la tutela dei diritti umani. Marina Rotili, partner dell'industry "Government & Public Sector" di Ernst &Young Italia, è stata premiata nella sezione Management Privato. All'Imprenditoria Donatella Cinelli Colombini, imprenditrice nel turismo del vino, mentre all'Economia Anna Genovese, commissario Consob. Infine alle Arti Francesca Lo Schiavo, scenografa tre volte premio Oscar alla Miglior Scenografia, e all'Informazione Susanna Petruni, giornalista e vice direttore del TG1. Previsto anche lo speciale Premio Minerva Uomo, consegnato a Don Francesco Fiorino, sacerdote della diocesi di Mazara del Vallo dal 1989.

L’Inrca si conferma, nel panorama nazionale ed internazionale, quale istituto di ricerca geriatrica di altissima qualità, guidato a livello scientifico da una professionista che continua ad essere riconosciuta come un importante modello di competenze professionali, umane e sociali. Ancora più importante poiché l’ambito di applicazione della ricerca riguarda uno dei soggetti più fragili: l’anziano.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-11-2015 alle 13:12 sul giornale del 27 novembre 2015 - 1880 letture

In questo articolo si parla di donne, spettacoli, INRCA di Ancona, premiazione, fabrizia lattanzio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqVv





logoEV