contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Musicoterapia, partito il progetto della Fondazione Salesi

1' di lettura
2900

salesi

Parte oggi, 1 febbraio 2016, il nuovo progetto di Musicoterapia promosso dalla Fondazione Ospedale Salesi Onlus, che vedrà l’inserimento di due musicoterapeuti professionisti nei reparti di Terapia Intensiva Neonatale, Neuropsichiatria, Pediatria e Cardiochirurgia Pediatrica degli Ospedali Riuniti di Ancona.

«In verità – spiega la Dott.ssa Annarita Settimi Duca, Direttore Operativo della Fondazione Salesi – ognuno di questi reparti avrà il suo progetto ad hoc, così da poter monitorare e testare meglio l’efficacia di questa co-terapia che, come abbiamo avuto modo di verificare già in passato, porta con sé diverse ricadute positive sia per i pazienti e le loro famiglie, che per lo stesso personale medico». Quello veicolato dalla musicoterapia è un approccio alla persona basato interamente sulla musica, il suono e le interazioni corporee con gli strumenti musicali, attraverso cui il terapeuta riesce a creare uno stretto rapporto con il paziente, così da stimolare quest’ultimo da un punto di vista emotivo-cognitivo e favorire la comunicazione anche con altri soggetti, come il personale sanitario.

Oggi può contare applicazioni in diversi campi, tra cui appunto quello delle terapie mediche, dove si è dimostrato capace di ridurre lo stress da ricovero sanitario e migliorare l’intero ambiente ospedaliero. Uno strumento importantissimo, dunque, specie quando si ha a che fare con pazienti delicati come lo sono i bambini. I due professionisti che lavoreranno al fianco del personale medico e paramedico dell’ospedale sono stati individuati, con apposito bando scaduto a novembre scorso, da una commissione composta da il Direttore Operativo della Fondazione, il Responsabile della Gestione Direzione Medica del Presidio Ospedaliero Salesi, un esperto in musicoterapia, una psicologa della Fondazione e i coordinatori dei reparti.


ARGOMENTI

dagli Organizzatori


salesi

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-02-2016 alle 16:46 sul giornale del 02 febbraio 2016 - 2900 letture