contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Differenziata in calo, Berardinelli: "lontani da quel 65% previsto dalla legge"

1' di lettura
933

Mentre nel Comune di Ancona l’Amministrazione comunale continua a tartassare famiglie e imprese con TARI, IUC e tariffe sempre più alte, dalle mense scolastiche ai biglietti del bus, in città continua a peggiorare la raccolta differenziata.

Nonostante lo sforzo dei cittadini nel conferire correttamente rifiuti puliti, la percentuale di raccolta differenziata è crollata sotto i valori del 2011 sino al 60,5%, ben lontani da quel 65% previsto dalla Legge, pena salatissime sanzioni economiche. Quattro anni persi, in controtendenza rispetto ad altri comuni in cui una volta spiegato ai cittadini il funzionamento della raccolta, la differenziata migliora di anno in anno come è capitato anche ad Ancona prima dell'insediamento della Giunta del PD guidata dal Sindaco Mancinelli.

Ma al danno si aggiunge la beffa di un servizio che sta provocando ovunque malumori per la situazione sempre più indecorosa della città, con rifiuti abbandonati ovunque, sia quelli ingombranti come poltrone, sedie e televisori, sia per i normali sacchetti di spazzatura, oramai ammucchiati agli angoli delle strade come mai si era visto ad Ancona. Con una differenziata più alta, magari rinunciando ad Igenio e rendendo più agevole il conferimento rifiuti, si sarebbero potute abbassare le tariffe e quindi l'esborso da parte di famiglie e imprese ma soprattutto si sarebbero evitate le multe, 95.000 euro per il 2014 e 92.000 euro per il 2015, che siamo costretti a pagare ora noi cittadini di tasca nostra. Ecco come si sprecano le risorse ad Ancona penalizzando i cittadini.


ARGOMENTI

da Daniele Berardinelli
consigliere comunale Forza Italia

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-04-2016 alle 17:23 sul giornale del 05 aprile 2016 - 933 letture