contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > SPETTACOLI
comunicato stampa

"In corpore hominis", la mostra di infografiche di Mirco Tangherlini alla Mole fino al 10 giugno

2' di lettura
1060

Tra gli eventi collaterali della Mostra In Corpore hominis – costituita da 100 tavole infografiche di Mirco Tangherlini realizzate dall'artista per il Corriere della Sera e curata da Francesca Di Giorgio- è in programma venerdì 10 giugno, nella sala confernze dle Museo Omero, una tavola rotonda su “Nuovi linguaggi nella comunicazione tra medico e paziente”.

La mostra rientra nel novero degli appuntamenti deI Festival del Pensiero plurale 2016, ideato e organizzato dal prof. Giancarlo Galeazzi,Società Filosofica Italiana in collaborazione con il Comune di Ancona e con la Regione Marche. Tra i visitatori illustri della mostra, ieri il noto storico e filosofo della Medicina, Giorgio Cosmacini, che in serata ha tenuto un incontro al Teatro Sperimentale, del ciclo “Le parole della Filosofia”. Alla tavola rotonda del 10 giugno interverranno: dott. Carlo CICCIOLI - STORIA MEDICO DI FAMIGLIA E COMUNICAZIONE CON IL PAZIENTE prof. Giancarlo GALEAZZI - ETICA DELLA COMUNICAZIONE MEDICO-PAZIENTE dott. DOBRAN - LA COMUNICAZIONE MEDICO-PAZIENTE IN AMBITO OSPEDALIERO dott. VENANZONI - LA COMUNICAZIONE MEDICO-PAZIENTE IN AMBITO DOMICILIARE Mirco TANGHERLINI - EVOLUZIONE TECNOLOGICA NELLA COMUNICAZIONE MEDICO-PAZIENTE L'incontro verte sui nuovi scenari della comunicazione tra MEDICO E PAZIENTE, che si arricchisce del supporto grafico-artistico, come nel caso della mostra, e delle nuove tecnologie. Oggi il testo (comunicazione scritta) non è più sufficiente, i pazienti (le persone) hanno bisogno di associare il testo all'immagine (comunicazione visiva). Con l'avvento del linguaggio multimediale (utilizzo di più media), in particolare con lo sviluppo di internet quasi tutte le persone in grado di saper utilizzare un PC, cercano risposte alle loro malattie, ai loro problemi di salute, navigando in rete e cercando risposte da più fonti (più o meno autorevoli). Tutto questo è un bene o un male? Bisogna fidarsi di ciò che si legge sui siti internet. (comunicazione virtuale)? E inoltre questo nuovo approccio delle persone, crea un cambiamento, a sua volta, nel rapporto e nel dialogo con il medico "in carne ed ossa"? Si crea un problema di comunicazione tra i due interlocutori o si tratta di nuove modalità di approccio alla malattia? Si cercherà di dare delle risposte, facendo anche uno excursus storico della figura del medico nell'arco dell'ultimo secolo e parleremo anche di etica nella comunicazione tra medico e paziente.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-06-2016 alle 19:06 sul giornale del 09 giugno 2016 - 1060 letture