contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CULTURA
articolo

"Landscape & Archeology", arriva il seminario itinerante sul turismo culturale itinerante

3' di lettura
1853

“Non abbiamo il petrolio o la bauxite, ma abbiamo tanta cultura da poter trasformare in una ricchezza per il nostro Paese”. È con queste parole che il Rettore dell’Univpm Sauro Longhi ha presentato, lunedì mattina in un incontro al Rettorato di Piazza Roma il primo seminario marchigiano di valorizzazione sostenibile del patrimonio e dei distretti culturali.

Una manifestazione simile potrebbe arrivare presto anche nell’area anconetana, ma il ciclo prenderà avvio dal distretto archeologico della via Flaminia, con il comune di Fano a fare da capofila. Si tratterà di una tre giorni di conferenze, convegni, tavole rotonde e mostre con esperti di settore provenienti da Univpm, Unibo, Uniscape, Centro Studi Vitruviani e DCE (Distretto Culturale Evoluto) Flaminia Nextone, il patrocinio di ventidue partner, tra i quali Mibact e Regione Marche, e il contributo dei comuni di Fano, Fossombrone e Cagli. Grande la soddisfazione dell’assessore alla cultura del primo, Stefano Marchegiani, convinto che si tratti di “un progetto di archeologia che si coniuga con la contemporaneità, aumentando il racconto della città da offrire ai turisti. Offrire opportunità alla spiaggia in una stagione come questa è qualcosa che ci premia”. Primo appuntamento del seminario itinerante di tre giorni “Landscape & Archeology”, dunque, giovedì 23 giugno alle 9.00 nella Sala Verdi del Teatro della Fortuna (Fano), con i saluti delle autorità a precedere le sessioni scientifiche coordinate dal professor Paolo Clini (Dipartimento Ingegneria Civile, Edile e Architettura Univpm), che ha dichiarato: “declinare in tal modo il nostro territorio serve a fare emergere strategie di valorizzazione e creare veri e propri modelli di business attraverso la cultura. Il Dce Univpm deve fare in modo che la cultura diventi un motore per l’economia”.

In particolare, la via consolare Flaminia raccoglie ancora oggi testimonianze archeologiche, paesaggi rurali, paesaggi naturali, infrastrutture e insediamenti antichi e moderni. I seminari internazionali Uniscape En Route vogliono proporre un confronto fra istituzioni, politici, abitanti e attori economici e sociali sulle nuove forme “smart” di turismo culturale, valorizzando il patrimonio territoriale con particolare riferimento ai Distretti Culturali Evoluti delle Marche. La formula itinerante dovrebbe permettere di realizzare degli incubatori di conoscenza in riferimento ad ogni singolo paesaggio. L’Univpm si metterà a disposizione delle istituzioni locali nell’intento di aumentare le occasioni di valorizzazione dei beni culturali tramite le tecnologie sostenibili. Quattro i macro-temi che verranno trattati: “Smart Landscape”, “Archeologia e Documentazione digitale”, “Smart Industrial Archaelogy” e “Valorizzazione sostenibile del patrimonio e distretti culturali”. Venerdì 24 i lavori si sposteranno nel Parco Archeologico Forum Sempronii di Fossombrone, nella Riserva Naturale Statale Gola del Furlo di Fermignano e sul Ponte Mallio di Cagli. Incontro di particolare interesse quello delle 15.30 a Fossombrone presso la Chiesa di San Filippo intitolato “DCE e Rinascimenti Culturali” con il direttore della Soprintendenza Archeologica delle Marche Mario Pagano che parlerà de “La via Flaminia nelle Marche. Un itinerario archeologico”.

Seguirà quindi la tavola rotonda con gli esperti e i gestori di altri DCE, in cui scambiarsi idee vantaggiose. Si chiude sabato 25 alle 9.15 presso il Ridotto del Teatro comunale di Cagli con la relazione di Sofia Pescarin “Dalla pianificazione alla valorizzazione del patrimonio diffuso: co-design e musei virtuali”. Nel pomeriggio sarà possibile effettuare la visita guidata al patrimonio architettonico della città di Cagli. Programma completo: www.centrostudivitruviani.org. Nelle foto da sinistra: Ramona Quattrini, Sauro Longhi, Stefano Marchegiani, Paolo Clini.





Questo è un articolo pubblicato il 20-06-2016 alle 15:17 sul giornale del 21 giugno 2016 - 1853 letture