contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Aggrediscono un giovane per rubargli il telefonino, in manette due kossovari

1' di lettura
1002

Polizia generico

Avevano aggredito un ragazzo in Piazza Roma per rubargli il cellulare. Alle prime luci dell’alba i due fratelli kossovari B.B. (21enne) e M.B. (22enne) sono stati arrestati dai poliziotti della sezione Catturandi della Squadra Mobile anconetana che hanno fatto irruzione nel loro appartamento.

Con numerosi precedenti per furti e rapine, in una notte di maggio 2012, aiutati da tre nordafricani, avevano strappato dalle mani della vittima un Htc Desire mentre il malcapitato stava tentando di inviare un sms. Di fronte ai suoi tentativi di recuperare lo smartphone, i due fratelli avevano tirato fuori un coltello a serramanico per minacciarlo di morte. All’epoca sul posto era intervenuta una Volante raccogliendo tutti gli elementi indispensabili al,proseguimento delle indagini. A svegliare i due malviventi l’irruzione dei poliziotti che li hanno ammanettati prima che potessero alzarsi dal letto e ora dovranno scontare nel carcere di Montacuto una pena pari a due anni e un mese di reclusione. Recuperato dalla sezione Furti e Rapine della Mobile anche uno smartphone Asus Zenphone 2 che era stato sottratto ad un fermano in via del Castellano il 20 aprile scorso. Il ladro si sarebbe impossessato del telefono cellulare sfilandolo dalla tasca del giubbotto della vittima. Le indagini hanno portato alla perquisizione, delegata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, a casa di una donna residente nei pressi del Viale ritrovando così lo smartphone. La donna, una 51enne anconetana incensurata, è stata denunciata per il reato di ricettazione e ora rischia anche la reclusione



Polizia generico

Questo è un articolo pubblicato il 04-08-2016 alle 14:12 sul giornale del 05 agosto 2016 - 1002 letture