contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
comunicato stampa

Falconara: giunto a destinazione il primo carico di aiuti ai terremotati

2' di lettura
923

È stato consegnato ieri mattina il primo carico di aiuti alle popolazioni colpite dal sisma raccolti dal Gruppo comunale di Protezione Civile di Falconara. Intorno a mezzogiorno un canioncino carico di viveri e coperte è partito alla volta del deposito del Consorzio idrico Piceno di Maltignano (AP) dove è stato localizzato uno dei quattro magazzini di raccolta ubicati a margine della zona terremotata.

Come concordato con gli organi regionali di Protezione Civile è stata consegnata sola la prima trance di materiale raccolto i città per non congestionare i depositi nei quali vengono convogliati gli aiuti da tutta Italia che è per il momento abbondantemente superiore alle richieste delle vittime del sisma. Per ora quindi la raccolta è stata sospesa. Ma non appena si libererà spazio nei magazzini e si avranno nuove indicazioni sul materiale necessario sarà comunicato alla cittadinanza e la raccolta sarà riaperta.

Sono soddisfatto di come ha reagito prontamente il Gruppo comunale e la cittadinanza a questa emergenza – spiega il coordinatore cittadino della Protezione civile Alessandro Ferrucci - Sarà una emergenza lunga e ci sarà modo per tutti di poter dare una mano anche nei prossimi mesi” Per ora il materiale raccolto ha soddisfatto infatti le esigenze delle popolazioni terremotate ma l’emergenza proseguirà anche nei prossimi mesi.

Ad ogni modo, parte del materiale raccolto a Falconara, se in esubero e non necessario alla popolazione colpita dal sisma, nel pieno rispetto della volontà di aiutare queste popolazioni, sarà “trasformato” attraverso iniziative pubbliche di raccolta fondi, in un contributo economico che sarà consegnato direttamente dall’Amministrazione comunale alle popolazioni colpite dal sisma. Insomma niente sarà sprecato e tutto sarà destinato al fine per cui è stato donato.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-08-2016 alle 18:09 sul giornale del 31 agosto 2016 - 923 letture