contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Falconara: asta d'arte solidale all'ex sala mercato coperto di via Nino Bixio

1' di lettura
1507

asta pubblica

Tutto pronto per la seconda asta di beneficenza per il Comune di Amatrice. Dopo il primo appuntamento, il 9 settembre all’hotel Touring dove sono stati raccolti circa 1500 euro, si ripete l’asta in una nuova cornice. Martedì alle 21 all’ex sala mercato coperto, in via Nino Bixio, saranno messe all’asta più di venti opere.

“L’arte rinnova i popoli”, questo il nome dell’asta organizzata da Mary Sperti in solidarietà alla popolazione di Amatrice che è stata colpita dal sisma lo scorso 24 agosto. Le pere sono tutte offerte da artisti quotati a livello nazionale e internazionale. Quadri e sculture partiranno dalle 200 euro in su. Ecco i nomi degli artisti che hanno deciso di partecipare a tale iniziativa, offrendo in beneficenza la propria arte: Silvia Caiti, Natalia Kovalenko, Enzo Borri, Claudio Calabrese, Andrea Dubbini, Franco Scalese, Domenico Castellano, Roberto Carnevali, Anna Weglarz, Emanuele Leonardi, Sarah Mutinelli, Brigitte Ostwold, Patrizia Palitta, Domenico Di Meco, Andrea Tagliavanti, Claudio Alicandri, Stefano Bettini, le opere di Patrizia Tosti e Mary Sperti. Ma tanti altri artisti si stanno facendo avanti per compiere questo gesto di solidarietà.

La serata di beneficenza sarà preceduta dall’inaugurazione della personale di Roberto Carnevali, tra l’altro uno degli artisti che aderisce anche all’iniziativa di solidarietà. Il ricavato dell’asta sarà interamente devoluto al Comune di Amatrice. All’iniziativa solidale sarà presente anche un’opera firmata dall’artista Silvia Caiti, ovvero un cristo in legno e ceramica che verrà donato per la prima chiesa ristrutturata del Comune di Amatrice. Sarà presente anche un punto di raccolta per donazioni libere. Pertanto chiunque vorrà, potrà partecipare all’asta anche soltanto per lasciare una piccola offerta.



asta pubblica

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-09-2016 alle 23:24 sul giornale del 26 settembre 2016 - 1507 letture