contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Falconara: Federici (Pd) "Conferenza stampa fine anno, sintesi incapacità amministrativa"

5' di lettura
18922

Franco Federici

La conferenza stampa di fine anno della Giunta di Falconara è la sintesi perfetta della incapacità amministrativa, nonché della inconsistenza e della mancanza di idee e di progetti per il futuro della città, dopo nove anni di governo.

Si parte dal solito alibi dell’indebitamento e del merito per la sua riduzione, per giustificare i propri limiti e coprire i tanti errori commessi nel corso degli anni. La riduzione del debito è avvenuta seguendo il piano di risanamento della Giunta Recanatini e vendendo le due farmacie comunali, che rappresentavano i gioielli di famiglia del Comune. Si ripetono i propositi in discussione da anni, progetti diffusi di ordinaria amministrazione, quando con l’allentamento del patto di stabilità si sarebbe potuto programmare più significative iniziative. Non è servito neppure il riassetto delle poltrone (Vicesindaco Signorini, Assessore Fiorentini e Presidenza del Consiglio Al Diry) operato dal Sindaco nel mese di aprile 2016 per cercare di assopire le turbolenze in maggioranza e per ridare slancio ad una Giunta asfittica ed inconcludente. Nell’approssimarsi della scadenza del secondo mandato della Giunta Brandoni, nel governo della città - dopo tante parole promesse - è ora di porsi la domanda: “ Falconara dal 2008 ad oggi è migliorata nell’ offerta dei servizi, nella qualità della vita, nelle infrastrutture che qualificano la città? ”.

La risposta è sicuramente negativa in quanto in alcuni servizi si sono fatti evidenti passi indietro ed il centro della città si impoverisce di attività commerciali e produttive. Vi sono alcune criticità che interessano da vicino i cittadini, che attendono ancora una risposta da parte della Giunta Brandoni:

-bonifica del litorale. È la problematica più grave per l’economia e l’immagine della città, dopo i diciotto divieti di balneazione dell’estate scorsa. Progetti rimasti sulla carta, mozioni del Consiglio comunale che non hanno visto alcun seguito, mentre la Giunta, in conferenza stampa non dice neppure una parola su questa emergenza vitale per il futuro della città. È grottesco che la Giunta parli di una revisione del piano spiaggia, senza aver risolto a monte le disfunzioni del sistema fognario a mare.

-nubi maleodoranti Dopo oltre due anni che nubi maleodoranti ammorbano l’area di Falconara ancora si brancola nel buio, senza che si sia promossa un’indagine seria e scrupolosa per non disturbare interessi ben noti. In materia ambientale, la Giunta Brandoni continua a minimizzare mettendo in pericolo la salute e la sicurezza dei falconaresi. In merito alle polveri sottili Falconara continua ad essere ai primi posti nella graduatoria regionale degli sforamenti dei limiti di legge. Nel campo urbanistico e della riqualificazione ambientale siamo ai nastri di partenza e si divaga per prendere tempo e lasciare alla prossima amministrazione la risoluzione dei problemi. Tutti i contenitori e le aree industriali dismesse sono al palo, compreso il mega progetto dell’ex Montedison e dell’ex garage Fanesi, nessuna chiarezza sulle prospettive future della raffineria Api.

Mentre le varianti urbanistiche proposte ed approvate dalla Giunta in questi anni in zone a rischio idrogeologico (vedi area Villa Guastuglia) sono state bloccate da enti superiori, si apre - a fine mandato - un nuovo fronte con la variante al PRG per il riconoscimento del “centro storico” dagli esiti incerti, indefiniti, dal sapore marcatamente elettoralistico: un modo per divagare e recuperare una credibilità perduta. Si deve inoltre ricordare la pessima figura della Giunta in merito al parcheggio multipiano della stazione, che ha lasciato come eredità un contenzioso legale con richiesta di risarcimento milionario.

-antenna Telecom-Vodafone di Via Puglie La vicenda merita di essere ricordata perché emblematica dell’operato di questa Giunta e dal modo in cui affronta le questioni che toccano da vicino i cittadini. Dopo la trattativa con la Società nel primo anno - con canone concordato a favore del Comune di quarantamila euro per nove anni – e la successiva ritrattazione, a seguito della protesta dei cittadini, la Giunta Brandoni non ha evitato il silenzio-assenso, trascorsi i novanta giorni dalla richiesta della Società, senza formalizzare un atto di diniego, per cui il Tar Marche non è entrato nel merito neppure del nuovo Regolamento.

-sicurezza a Falconara Siamo ben consapevoli che il problema sicurezza riguarda tutti i comuni, ma a Falconara la situazione è peggiorata con uno stillicidio quotidiano di furti, rapine, vandalismi e razzie nelle scuole. Era stato il cavallo di battaglia del Sindaco Brandoni all’atto del suo insediamento, caratterizzatosi successivamente per i blitz, le ordinanze antibivacco, la chiusura di fontanelle e sottopassi. Di tutto ciò resta un comando di Polizia urbana ridotto ai minimi termini, disorganizzato e privo di mezzi adeguati, dopo il tentativo fallito di accorpamento con il comando di Ancona. Il Sindaco alza le braccia e chiede invano aiuto al Prefetto per avere la presenza dell’esercito sul territorio. Per questa Giunta, inoltre, non è prioritaria la sicurezza delle scuole comunali, in quanto non sono state investite risorse né per il potenziamento dell’illuminazione né per dotare le scuole di sistemi antintrusione, ma addirittura, in questi ultimi due anni, agli istituti comprensivi sono state ridotte di alcune migliaia di euro le risorse per il funzionamento previste nel Patto per la scuola.

Franco Federici Capogruppo PD Falconara



Franco Federici

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-01-2017 alle 11:48 sul giornale del 09 gennaio 2017 - 18922 letture