contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Addetti pulizie Caserme pronti ad incatenarsi in Prefettura, da luglio niente stipendio

1' di lettura
1469

Circa venti addetti pronti ad incatenarsi al palazzo della Prefettura di Ancona. Famiglie disperate: da luglio non percepiscono lo stipendio.

Ancora problemi alla Puliart, la ditta che si occupa degli appalti delle pulizie delle caserme dei carabinieri di Ancona: da luglio, i circa 20 lavoratori non percepiscono lo stipendio e così, dopo vari scioperi e solleciti, hanno deciso di incatenarsi sotto la sede della Prefettura di Ancona il prossimo 8 novembre. Dopo due anni di ritardi nel pagamento delle retribuzioni, il committente e cioè la Prefettura di Ancona, non ha ancora esercitato il diritto di recedere dal contratto sottoscritto. Nel frattempo, è stata coinvolta l’Anac, agenzia nazionale anticorruzione, che ha assicurato il proprio impegno su questa vertenza.

"La situazione si è ulteriormente aggravata – dice Rita Giacconi, segretaria provinciale Filcams Cgil – perché, al 27 ottobre, si accumulerà un’ulteriore mensilità arretrata e i dipendenti non riescono più neanche ad avere i soldi per raggiungere il posto di lavoro e per provvedere al proprio sostentamento"



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-10-2017 alle 16:38 sul giornale del 19 ottobre 2017 - 1469 letture