contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Provincia di Ancona, Rabini sul trasporto pubblico: “basta con le esclusive atma e il mercato monopolizzato”

2' di lettura
372

“Credo che sia opportuno ampliare la platea delle rivendite dei biglietti extraurbani e degli abbonamenti del trasporto pubblico locale nella provincia di Ancona".

"Ci sono molte attività nuove, esercizi di tabaccheria in particolar modo nella città di Ancona a cui viene negata la possibilità di vendere i biglietti dell'extraurbano e gli abbonamenti. E questo è un limite che in presenza in particolar modo di attività commerciali serie che hanno investito e vogliono offrire una vasta gamma di servizi per i loro clienti, non ci si può più permettere e non ha senso.

Penso che sia ora che le “esclusive” nella rivendita dei biglietti extraurbani e degli abbonamenti, debbano avere fine, tanto più, come nel caso della Provincia di Ancona, che detiene il 31,667 del capitale sociale di Conerobus, inserito nel contesto ATMA quale Azienda di Trasporti e mobilità di Ancona e provincia, si sia espresso in ambito di Revisione Straordinaria delle Partecipazioni da parte del Consiglio Provinciale, la necessità di incrementare le entrate al fine di migliorare le condizioni di resa del servizio. Ricordo che la Provincia di Ancona mantiene la partecipazione in Conerobus anche dopo il processo di riorganizzazione delle funzioni avvenuta con la Legge 56/14 “Del Rio” che ha portato la gestione di TPL alla Regione Marche, in quanto ritenuta connessa alle funzioni provinciali dei servizi di trasporto in ambito provinciale.

Ho avuto molte segnalazioni da parte di esercenti che hanno fatto richiesta all'ATMA per la vendita dei biglietti extraurbani e degli abbonamenti, ma sembrerebbe esserci quasi una specie di “area delimitata” nel senso che vi è una organizzazione territoriale per cui solo alcuni hanno la possibilità di avere questo servizio.

Credo che ATMA debba facilitare invece il più possibile la diffusione delle rivendite poiché era nel suo progetto originale e tra l'altro le esclusive cozzano contro la liberalizzazione dei servizi e della concorrenza; si dia dunque la possibilità a chi vuol lavorare bene e crescere, di avere una vasta gamma di prodotti da offrire, comprese tutte le tipologie di biglietti e di abbonamenti di TPL.

Proprio per dare un segnale forte, ho presentato un atto di indirizzo in Consiglio Provinciale, che possa quindi essere di aiuto a tanti esercenti nello sbloccare questa situazione che non può più essere monopolista.”



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-03-2018 alle 17:53 sul giornale del 02 marzo 2018 - 372 letture