contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Sanità: "145, no grazie", una manifestazione davanti al palazzo della Regione

2' di lettura
1373

Regione Marche
La Giunta ha approvato in Commissione la Pdl 145/17 che, senza tanti tecnicismi, consegna le chiavi della sanità pubblica nelle mani del privato

"La Giunta regionale Pd ha messo in scena l'ultimo atto della tragedia sulla Sanità Pubblica Marchigiana, diretta dal mediocre regista Ceriscioli. La Giunta ha approvato in Commissione la Pdl 145/17 che, senza tanti tecnicismi, consegna le chiavi della sanità pubblica nelle mani del privato, a chiunque, da De Benedetti ad altri. La politica marchigiana ha nuovamente deluso e tradito i suoi cittadini: la maggioranza votando questa pdl porcata, le finte opposizioni presentando degli emendamenti, quindi avvallando la stessa pdl, e accentando alcuni articoli della stessa. Ma oggi i cittadini sono stanchi, non ignorano più quello che viene presentato in Regione come il bene assoluto per la Sanità Marchigiana, sono informati ed è per questo che molti di loro si sono indignati e hanno deciso di unirsi e organizzarsi per contestare e manifestare contro la pdl 145/17. Un gruppo di Liberi cittadini ha organizzato una Manifestazione contro la Legge porcata 145/17 per Martedì 27 Marzo alle ore 10.00 sotto il Palazzo della Regione in Via Tiziano ad Ancona. Questa manifestazione è solo l'inizio di una lunga contestazione per chiedere che la pdl 145/17 venga ritirata, per non essere calendarizzata e quindi votata in assemblea regionale; parteciperanno molti gruppi di cittadini, associazioni che si battono da tempo sul territorio per avere una Sanità pubblica, senza casacche, colori o bandiere politiche. A questa manifestazione seguiranno sit-in, banchetti e tante altre azioni finché non verrà ritirata la Pdl 145/17, se invece dovesse essere calendarizzata e approvata i cittadini sono pronti a prendere altre vie come il ricorso al TAR o la proposta di un referendum abrogativo regionale, nella speranza che almeno in questa occasione le opposizioni abbiano il buon senso di non emendare tale porcata."





Regione Marche

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-03-2018 alle 17:21 sul giornale del 27 marzo 2018 - 1373 letture