contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > LAVORO
comunicato stampa

USB su la fusione degli ospedali di Osimo e Inrca: "continua il caos"

2' di lettura
623

Unione Sindacale di Base, USB
A pochi giorni alla fine di Marzo ancora le amministrazioni Asur e INRCA non riescono a dare date precise e certezze ai lavoratori per rompere definitivamente quel cordone ombelicale che ancora unisce le due direzioni in una situazione che definire di stallo è dire poco.

Tanta fretta da parte della politica di mettere una firma per vendere la sanità osimana e poi nessun rispetto per il personale e per l’utenza.

Con L’allegato n.12 della determina ASUR 805/29/12/2017 si sono definite le attività sanitarie integrate in una fase transitoria che avrebbero dovuto garantire il mantenimento dei livelli assistenziali senza creare disagi alla popolazione almeno fino al 31/03/2018, ma le cose non sono andate così e ad oggi, sembra che ci sia da parte dell’ente in entrata il voler trattenere ulteriormente il personale infermieristico e tecnico nonostante un percorso fatto in precedenza con entrambe le direzioni per definire le date in cui far uscire i Dipendenti senza nulla di fatto. Un percorso che la direzione Inrca ha rispettato solo in parte creando disagi notevoli per il mantenimento dei livelli assistenziali di quei servizi AV2 che rimangono in attesa di quel personale vincitore di mobilita straordinaria che si aspetta di essere spostato nei termini prefissati.

Il tutto sta generando anche un problema medico legale e assicurativo non indifferente perche il personale Asur uscente lavora all’interno di un presidio che non è piu Asur ma Inrca.

Il servizio di Radiologia Inrca Osimo viene garantito con il personale dell’AV2 gia in difficoltà a coprire i turni su tutto il territorio sud di Ancona;

Nessun medico della Radiologia dell’Inrca Ancona ha mai messo piede ad Osimo;

Il Pronto Soccorso a tutti gli effetti è INRCA ,ma ancora gestisce tutta l’attività territoriale.

Insomma la solita confusione della nostra Sanità Regionale senza la minima trasparenza nel fare le cose. Importante è che all’opinione pubblica passi che tutto va bene quando invece il tutto è il preludio di un vero fallimento.

Come USB Sanita Marche chiediamo il rispetto dei termini fissati per il 31/03/2017 con la determina 2018 e che la direzione Inrca prenda completamente le redini e la gestione totale e completa del Presidio di Osimo dando un taglio definitivo a questa situazione ingovernabile voluta dagli Amministratori.

Saranno tempi duri perchè pare che l’Inrca dichiari addirittura un possibile esubero di personale.

Alla faccia di chi ci ha definito un sindacatoallarmista



Unione Sindacale di Base, USB

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-03-2018 alle 22:41 sul giornale del 28 marzo 2018 - 623 letture