contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
Spazio elettorale autogestito

Falconara: il candidato a sindaco Calcina sui rapporti con l'Api

2' di lettura
1482

Siamo quasi alla fine della campagna elettorale e, dagli incontri tra tutti i candidati a Sindaco della città, ho appreso che ad eccezione di CiC/FBC e SiAmo Falconara, tutti gli altri candidati si sono recati in raffineria a parlare con i dirigenti dell'Api.

Noi di CiC/FBC e SiAmo Falconara non ci siamo neanche posti il problema perché se i cittadini falconaresi ci designeranno ad amministrare la città, solo allora inizieremo un NORMALE rapporto con l’Api, convocando la sua Direzione in Consiglio comunale per conoscere e far conoscere ai cittadini, in primo luogo, il piano industriale futuro. Il perché è evidente: la città DEVE SAPERE se il futuro progettato dalla Dirigenza di una industria estremamente impattante su salute, ambiente e territorio è incanalato o meno nell’obiettivo della progressiva dismissione e/o riconversione produttiva prevista dal Piano Regolatore Generale di Falconara.

CHIAREZZA FORMALE - il luogo deputato per discutere è il Comune (la casa dei cittadini) e non la sede privata aziendale - e CHIAREZZA SOSTANZIALE sono i presupposti per avviare il confronto sulla base della reciproca autorevolezza.
Dal risultato prodotto da questo primo confronto dipenderà il destino della richiesta di modifica del Piano Regolatore che Api raffineria ha avanzato all’Amministrazione comunale: la richiesta sarà cestinata se l’azienda si ostinerà a non far conoscere il proprio Piano industriale. Al contrario, se Api raffineria illustrerà il proprio Piano, la nostra Amministrazione discuterà con tutta la città se le modifiche che Api chiede al Piano Regolatore siano in linea con il PRG e vantaggiose per la salute, l’ambiente e il territorio.

Infine, di fronte alla città, chiederemo conto alla Dirigenza Api se, finalmente, ha fornito all’Istituto Superiore di Sanità l’elenco dei propri dipendenti ed ex dipendenti al fine di sbloccare lo studio di mortalità sulla coorte degli occupati nella raffineria. Infatti, nella risposta ad un question time in Parlamento a novembre 2014, l’ex Ministro della Salute Beatrice Lorenzin comunicò che l’indagine era bloccata a causa della mancata comunicazione di quei dati.

DUBITIAMO FORTEMENTE che questi siano stati i temi che i candidati e la candidata a Sindaco della città hanno discusso con i Dirigenti della raffineria API.



Questo è uno spazio elettorale autogestito pubblicato il 07-06-2018 alle 11:58 sul giornale del 08 giugno 2018 - 1482 letture