contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > CRONACA
articolo

Porto Recanati: le ossa ritrovate all'Hotel House appartengono a Cameyi 15enne scomparsa ad Ancona

2' di lettura
2111

Le ossa ritrovate all'Hotel House appartengono, seppure con un'approssimazione, a Cameyi 15enne scomparsa ad Ancona. Arrivano i primi accertamenti medico legali.

I resti ossei trovati nei pressi del famigerato Hotel House di Porto Recanati, luogo tristemente conosciuto per spaccio e non solo, sarebbero di Cameyi Mossamet la 15enne bengalese scomparsa il 29 maggio del lontano 2010 ad Ancona. A renderlo noto la Procura di Macerata che ha lanciato un appello a chiunque abbia notizie su quanto accaduto alla ragazzina quel fatidico giorno di fine maggio. Questi perlomeno i risultati dei primi accertamenti medico legali.

Il matching del DNA della madre conciderebbe con un resto della giovane scomparsa ben otto anni fa. Anche se ci sarebbe un'approssimazione del 99%. Qualcuno la vide nei pressi del palazzone degradato, unica connessione possibile un amico, il fidanzatino, che all'epoca viveva proprio nell'ottavo piano dell'edificio e fu unico indagato. L'inchiesta, aperta dalla Procura di Ancona, fu poi archiviata. Solo di recente il ritrovamento dei presunti resti della giovane avevano fatto riaffiorare la vicenda. Oggi il connazionale bengalese allora 19enne avrebbe circa 27 anni, ma dal 2011 dopo l'espulsione dall'Italia, di lui si sarebbero perse le tracce.

Nel luogo del ritrovamento ormai noto come "pozzo degli orrori", lo scorso marzo a Porto Recanati, oltre ai resti ossei anche una scarpa bianca e un foulard che la madre di Cameyi non aveva riconosciuto come quelli appartenuti a sua figlia che sperava ancora fosse viva in qualche parte del mondo.

Stando alla magistratura di Macerata l'ipotesi più accreditata sarebbe quella che la ragazza, una volta arrivata da Ancona alla stazione ferroviaria di Porto Recanati, si sia poi recata nei pressi dell'Hotel House e poi il triste epilogo, uccisa e sepolta.



... Hotel House


Questo è un articolo pubblicato il 29-06-2018 alle 21:15 sul giornale del 30 giugno 2018 - 2111 letture