contatore accessi free

In tanti alla Loggia dei mercanti per capire il Decreto Salvini

Salvini Lega Nord 2' di lettura Ancona 17/10/2018 - Si tiene ad Ancona il corso di formazione sul cosiddetto decreto Salvini su sicurezza e immigrazione, Decreto-Legge 4 ottobre 2018, n. 113.

Il corso è accreditato dall’ordine degli Avvocati di Ancona ed è organizzato dall’Ambasciata dei Diritti Marche, Progetto Melting Pot Europa e LasciateCIEntrare. Gli organizzatori hanno ricevuto tantissime iscrizioni per la formazione del 18 ottobre, pertanto è stato necessario prevedere una ulteriore data che si terrà il 7 novembre a Macerata. Hanno fatto richiesta di partecipare al corso di Ancona oltre 300 persone tra avvocati, assistenti sociali, operatori dell’accoglienza e semplici cittadini. Le iscrizioni che si dovevano chiudere mercoledì 17 ottobre, sono state chiuse il lunedì precedente.

Tanto interesse fa intuire che i temi affrontati dal decreto n. 113 “Disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale e immigrazione, sicurezza pubblica, nonché misure per la funzionalità del Ministero dell’interno e l’organizzazione e il funzionamento dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la gestione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata” suscitino un forte allarme visto che vengono introdotte regolamentazioni così restrittive per le libertà personali e per il diritto alla difesa personale. Per l’Ambasciata dei Diritti Marche “Il decreto legge immigrazione-sicurezza contiene misure allarmanti, che intaccano molte tra le garanzie fondamentali poste a protezione dell’individuo.

Con questo provvedimento il Governo ha voluto prendere di mira stranieri, manifestanti, occupanti e le marginalità sociali, criminalizzando non i reati, ma l’individuo per le sue specificità”. Senza entrare nel dettaglio di ogni singolo provvedimento, appare evidente come questo piano di azione mira a smantellare il sistema di protezione e accoglienza italiano, a rendere i migranti ancora più vulnerabili e ricattabili nel mondo del lavoro, facendo emergere la chiara volontà politica di rendere sans papiers migliaia di cittadini stranieri già presenti nel territorio italiano.

Inoltre il Daspo Urbano, misura introdotta dall’ex ministro Minniti che consente l’allontanamento da stazioni, aeroporti, strade o zone turistiche di chi ne “ostacola la libera fruizione” (cioè clochards e altri indesiderabili), verrà disposto anche nelle aree su cui si trovano presidi medici e dove si svolgono “mercati, fiere e pubblici spettacoli” (art. 23, che modifica l’art. 9 della legge 48/2017). I medici hanno già espresso la propria contrarietà a questa misura, che considerano lesiva del diritto alla salute.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-10-2018 alle 23:55 sul giornale del 18 ottobre 2018 - 1899 letture

In questo articolo si parla di attualità, ambasciata dei diritti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/aZvo





logoEV
logoEV