contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

Camerano: Rabini (Operazione Futuro): "Negozianti del centro in difficolatà e Amministrazione silente"

2' di lettura
1132

Lorenzo Rabini

Sono mesi che i commercianti del centro storico attendono risposte dall'Amministrazione Comunale, ma né per iscritto, né tramite una convocazione degli interessati sono emerse comunicazioni o approfondimenti da parte del governo locale.

“Sono più di 20 le attività commerciali inserite nel centro storico – dichiara Rabini – che nel mese di Aprile hanno inviato congiuntamente una missiva urgente al Sindaco per esternargli tutta l'amarezza di chi vede i propri affari e le proprie attività subire da tempo un brusco rallentamento, tra le cui cause vengono anche inserite problematiche quali la mancanza di un trasporto pubblico urbano che possa almeno un po' sopperire all'insufficienza di parcheggi, il mancato rispetto della segnaletica stradale, l'occupazione impropria dei posti con disco orario, dei passi carrabili, dei divieti di sosta e delle zone adibite al carico e scarico merci. “

“I commercianti – prosegue il Capogruppo di “Operazione Futuro” - nella stessa lettera fanno in maniera esplicita una accusa all'Amministrazione Comunale per le condizioni economiche in cui versano, esprimendo altresì il rammarico di segnalazioni precedenti alla stessa missiva di Aprile, mai tenute in debita considerazione.”

“Mi sembra grave – rimarca Rabini – non solo l'atteggiamento quasi di superficialità ed insufficienza con cui non sono stati mai dati riscontri formali alle lamentele, alle richieste e alle osservazioni e riflessioni del commercianti del nostro centro storico, ma in particolar modo rimbomba dal punto di vista politico l'assenza di un progetto vero e serio per le attività economiche della nostra cittadina, (le isolate iniziative anche importanti sono spesso il frutto di privati o società che si fanno largo da soli ) prive in particolar modo di un adeguato servizio di trasporto pubblico locale urbano capace di veicolare gente dal centro alla periferia e viceversa, di una rete convenzionale con la pubblica amministrazione per la conoscenza di percorsi di sviluppo e di crescita, e di molti altri aspetti che ci fanno capire che un vero tavolo istituzionale per il lavoro non si è mai costituito. “

Per il caso relativo alla missiva dei commercianti Rabini ha depositato una interrogazione.



Lorenzo Rabini

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-10-2018 alle 20:24 sul giornale del 31 ottobre 2018 - 1132 letture