contatore accessi free

Falconara: barriere antirumore, martedì l'incontro tra il sindaco Signorini e i proprietari di immobili coinvolti dall'esproprio

1' di lettura 27/11/2018 - "No alle barriere antirumore come progettate da Rfi, che imprigionerebbero Falconara e rappresenterebbero un paletto alla realizzazione dell'arretramento ferroviario". A sostenerlo è il sindaco Stefania Signorini, che ha organizzato per domani, mercoledì 28 novembre, alle 15 nella Sala del Leone un incontro rivolto espressamente ai cittadini coinvolti dagli espropri di Rfi, finalizzati alla realizzazione del 'muro' fonoassorbente lungo la linea ferroviaria Adriatica, nel tratto che attraversa Falconara.

"Sarà l'occasione - spiega il primo cittadino - di illustrare il progetto che ci è stato prospettato da Italferr, che dovrà realizzare l'opera per conto di Rfi, ma soprattutto di ribadire che il Comune di Falconara è contrario a tale progetto, almeno a quello invasivo che ci è stato indicato dai tecnici. Non solo le barriere, altissime, rappresenterebbero un danno paesaggistico per la costa falconarese, una delle risorse del nostro territorio, ma costituirebbero un investimento che va nella direzione contraria rispetto all'arretramento della ferrovia. Se Rfi investisse oggi 20 milioni di euro per realizzare il muro nel tratto falconarese, l'opera di arretramento dei binari dalla costa, sostenuta dall'amministrazione che rappresento, diventerebbe ancora più difficile da realizzare in futuro, perché per la società ferroviaria significherebbe dissipare l'investimento per l'insonorizzazione. Siamo pronti a far valere le ragioni del territorio a ogni livello, fino al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, che in primavera dovrà convocare la Conferenza dei servizi'






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-11-2018 alle 17:15 sul giornale del 28 novembre 2018 - 735 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/a1O0





logoEV
logoEV