contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
comunicato stampa

L'appello della CISL raccolto dal Consiglio regionale, approvata la mozione sul centro direzionale delle ferrovie

2' di lettura
365

La Fit Cisl Marche nell’ottobre dello scorso anno aveva lanciato un allarme sulla progressiva desertificazione del nostro territorio con la perdita dei centri direzionali delle Ferrovie Dello Stato. Nello specifico lamentava la scelta di RFI di creare una Direzione Circolazione a Bari con competenza su tutta la Direzione Territoriale Produzione di Ancona.

Si invitava pertanto la Regione Marche ed i parlamentari del territorio ad attivarsi nei confronti di RFI per una revisione del progetto così da poter istituire un Centro Direzionale Circolazione anche ad Ancona. Il nostro appello è stato accolto dal Consigliere Regionale Leonardi che ha proposto una mozione al Consiglio affinchè la “Giunta si faccia carico presso RFI e il Ministero dei Trasporti di far rivedere l’ipotesi dell’istituzione del Centro Direzionale Circolazione attuale con razionale previsione del medesimo centro nella Regione Marche”.

Il Consiglio Regionale ha approvato tale mozione all’unanimità. Ringraziamo il consigliere Leonardi e tutti i Consiglieri per aver ascoltato la nostra richiesta ma riteniamo questo atto solo un primo passo per invertire la tendenza che da anni purtroppo vede la nostra Regione ai margini delle scelte del Gruppo Ferrovie dello Stato.

Sarà nostra cura monitorare l’andamento di tale mozione e ci rendiamo disponibili sin da subito ad un confronto, che sollecitiamo, con il Presidente della Regione, il Presidente del Consiglio Regionale, l’Assessore ai Trasporti ed ai gruppi consiliari per illustrare la situazione in cui versa il trasporto ferroviario nelle Marche e per proporre azioni congiunte per il raggiungimento di un obiettivo condiviso. Confidiamo nella fattiva collaborazione della Regione Marche dal momento che, a nostro avviso, ci sono ancora margini per poter intervenire in tempo utile a modificare / integrare tale scelta.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-01-2019 alle 16:51 sul giornale del 31 gennaio 2019 - 365 letture