contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Rotary e CNA, un abbinamento perfetto: presentata alle Muse la guida enogastronomica di Tommaso Lucchetti

3' di lettura
546

Martedì sera, presso il Teatro delle Muse di Ancona, il Rotary Ancona Conero ha ospitato la CNA Alimentare della provincia di Ancona, in un incontro dedicato alla presentazione del libro “Un giardino imbandito tra Ancona e Macerata”, promosso dalla CNA Alimentare e scritto da Tommaso Lucchetti, docente all’università di Parma e storico dell’enogastronomia marchigiana.

Alla serata, oltre all’autore dell’opera, erano presenti i vertici delle due associazioni. Dopo i saluti di rito del presidente del Rotary Ancona Conero Giancarlo Moroni e del vice presidente della CNA di Ancona Raffaele Giorgetti, ha preso la parola il professor Lucchetti.

Il libro vuole essere un viaggio tra le dolci colline di Macerata e Ancona, ispirato al “grand tour” che poeti e artisti come Goethe e Stendhal compivano già dal XVII secolo per scoprire l’Italia. Un viaggio che, secondo Lucchetti, nel nostro territorio va oltre la fisicità della terra: un paesaggio stratificato da migliaia di esperienze, storie e tradizioni sedimentatesi nel corso degli anni, dall’antichità al ‘900, lasciando sul “terreno” testimonianze e tradizioni sommatesi l’una all’altra. Un paesaggio che è quindi il risultato di un “ricamo”, fatto di terreni coltivati, alberi da frutta, viti, olivi: quasi un dipinto di tenui colori. Un giardino imbandito, appunto.

Lucchetti ha anche sottolineato come il territorio preso a riferimento, le province di Ancona e Macerata, siano una terra fondamentale di confine, un tratto di unione tra il nord e il sud del Paese, tra l’oriente e l’occidente, legata fortemente alle tradizioni della Roma papale ma confinante con la laica Romagna. Una terra di congiunzione che trova al suo interno nicchie di sapori specifiche. In particolare Lucchetti ricorda la grande tradizione della norcineria che sul territorio riesce a gemmare prodotti specifici tipici di piccole comunità: si pensi alla salsiccia del Poggio o al salame di Fabriano o al più noto ciauscolo di Visso aromatizzato con l’aglio.

Lucchetti, infine, ha ricordato come la tradizione enogastronomica marchigiana si basi sulle tre principali produzioni della nostra cultura: olio, vite e grano. Una tradizione che parte da Omero, con l’Iliade e l’Odissea e che è la linea di divisione tra la civiltà occidentale e la barbarie, cioè coloro che non producevano vino, olio e pane. Questi tre prodotti sono al centro della nostra dieta mediterranea e sono ben caratterizzati nella nostra terra.

“Una serata interessante che ha permesso la reciproca conoscenza di due associazioni importanti del nostro territorio – hanno commentato il presidente Rotary Ancona Conero Moroni e il vice presidente CNA Ancona Giorgetti. Un incontro che auspichiamo possa essere il primo di una serie. Una collaborazione che permette anche di far conoscere realtà importanti e già consolidate ma anche e soprattutto piccoli produttori locali che mantengono vive tradizioni lunghe di secoli, spesso anche rivisitando con la loro personalità, antiche ricette del passato.”



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-03-2019 alle 16:02 sul giornale del 28 marzo 2019 - 546 letture