contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > SPORT
comunicato stampa

Calcio a 5: dopo cinque anni Junior lascia il Cus Ancona

2' di lettura
479

La notizia era nell'aria ma solo nella giornata di ieri è arrivata la conferma ufficiale. Junior De Souza il brasiliano del Cus Ancona dopo 5 anni passati all'ombra del Guasco il prossimo anno indossera la casacca del Recanati formazione che milita nel campionato di serie C.

A spiegare i motivi di questa scelta lo stesso giocatore che per prima cosa ringrazia tifosi e società per gli anni trascorsi insieme: "Cambiare maglia dopo 5 anni passati al Cus Ancona non è stato semplice. E' come se avessi perso un pezzo di cuore, ho giocato per una grande famiglia sono stati anni indimenticabili. La scelta di andare a Recanati è dettata da una questione di vita familiare. Con il lavoro non riuscivo più a tenere certi ritmi poi nei mesi scorsi sono diventata papa il che significa che gli impegni a casa sono aumentati. Recanati disputa un campionato regionale rispetto al Cus Ancona che milita in serie B dove non mancano trasferte lunghe ed impegnative".

Chi 5 anni fa decise di puntare su Junior al Cus Ancona: "Giocavo con la Tenax Castelfidardo quando a fine stagione Fabio Carletti fece di tutto per portarmi ad Ancona. Il primo anno ricordo una stagione particolarmente sofferta ma alla fine riuscimmo a raggiungere la salvezza proprio all'ultima giornata, mi sembra ancora di sentire il boato di gioia dei nostri tifosi presenti al campo".

In 5 anni al Cus Ancona per ben due volte è riuscito a raggiungere i playoff per andare in serie A2 ma questo è senza dubbio un tasto dolente per come sono andate a finire le cose: "L'anno scorso abbiamo perso la finale con il Cobà Porto San Giorgio quest'anno invece nonostante il secondo posto conquistato al termine della stagione regolare abbiamo dovuto cedere il passo in semifinale all'EtaBeta Fano. Lo sport è questo c'è poco da fare anche se l'amarezza è stata davvero tanta".

Cosa si sente di dire ai tifosi del Cus: "Che sono fantastici, che mi hanno regalato delle belle soddisfazioni e tanto affetto. Come ho detto prima cambiare società non è stata una cosa semplice ma sono sicuro che ogni volta che verrò a vedere una partita del Cus mi sentirò in famiglia circondato da persone che mi hanno sempre voluto bene. Un ringraziamento va anche alla società, allo staff tecnico al presidente David Francescangeli e a tutte quelle persone che hanno creduto fin dall'inizio nelle mie capacità dandomi piena fiducia".



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-06-2019 alle 16:01 sul giornale del 21 giugno 2019 - 479 letture