contatore accessi free

Falconara, Legambiente: ''Indifferibile combattere l'abbandono del parco Unicef''

Legambiente 2' di lettura Ancona 06/08/2019 - Con soddisfazione e sollievo apprendiamo che il Comune di Falconara, avvalendosi di un finanziamento regionale, ha attivato una ricerca socio-ambientale sul verde pubblico.

Lo scopo è realizzare un piano del verde urbano che auspichiamo partecipato: ciò consentirà di attuare quanto previsto da tempo dalle norme regionali e nazionali anche al fine di mitigare gli effetti del cambiamento climatico. Ma il Parco Unicef non può aspettare i tempi inevitabilmente lunghi di questo iter. In passato molto frequentato dai falconaresi e non solo, attualmente a parte il taglio periodico dell’erba è un posto abbandonato, che sta ormai diventando anche un luogo di disagio ed illegalità.

Nulla rimane di quel luogo sicuro e adatto all'incontro al gioco dei bambini, frutto di una progettazione partecipata delle scuole. Come è successo tutto questo? Grazie ad una convenzione tra Comune e Auser, il Parco aveva due custodi che facevano veramente la differenza; due anziani che con un semplice rimborso spese si dedicavano a questo luogo con impegno e puntualità rendendolo pulito e curato in ogni minimo particolare. All’improvviso, qualche anno fa, i custodi sono stati sollevati dall’incarico, arrecando un danno enorme non solo allo spazio in questione, ma ai bambini e alle famiglie.

Oggi il Parco versa in uno stato pietoso: i giochi e l’arredo in legno non più manutenuti; la pista per le piccole bici è quasi irriconoscibile; ignoti hanno sradicato un tavolo con annesse panche, all’interno della casetta in legno si sono accumulati rifiuti di ogni genere. In questo degrado generale è tuttavia stato recentemente installato un nuovo gioco di plastica colorata (plastica, ebbene sì): una spesa inutile dato che i bambini in quel parco così malandato non sono tornati. Forse perché i bambini di oggi non sono più attratti da giochi ripetitivi ed alienanti? Forse perché a questo maxi-gioco - che diventerà tra qualche anno un grande rifiuto non riciclabile, né in materiale riciclato - i genitori avrebbero preferito pulizia e sicurezza?

Auspichiamo che il Comune di Falconara ponga urgentemente mano a questo Parco, non a caso intitolato all'Unicef (Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia), portandolo se non agli antichi splendori almeno sopra la soglia di sicurezza e fruibilità. Ne va del benessere dei più piccoli, del decoro, dell'ambiente.


Da Circolo Legambiente "Martin Pescatore"





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-08-2019 alle 16:21 sul giornale del 07 agosto 2019 - 581 letture

In questo articolo si parla di politica, legambiente, falconara marittima, Circolo Legambiente "Martin Pescatore"

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/a0sp





logoEV
logoEV