Falconara: variante ferroviaria, firmato protocollo di legalità tra Prefettura e RFI

2' di lettura 10/10/2019 - Firmato nella giornata di giovedì 10 ottobre un Protocollo di Legalità fra la Prefettura di Ancona e Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) per la realizzazione della Variante di Falconara, allo scopo di prevenire e contrastare le infiltrazioni della criminalità organizzata in materia di appalti, servizi e forniture pubbliche.

Il documento, siglato anche dall’appaltatore e dalle organizzazioni sindacali di categoria, riguarderà tutta la filiera delle imprese affidatarie dei lavori che a qualunque titolo saranno impegnate nella realizzazione dell’opera. Il Protocollo prevede la collaborazione fra la Prefettura e il Gestore dell’infrastruttura per vigilare sul pieno rispetto della legalità nei contratti pubblici, sviluppando, in aggiunta agli standard richiesti dalla normativa, ulteriori forme di controllo, scambio di informazioni e procedure che ne garantiscano la trasparenza.

L’attività rientra fra le iniziative intraprese dal Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, con il coordinamento della Direzione Centrale Protezione Aziendale, per tutelare la realizzazione di opere e la prestazione di servizi di interesse pubblico da ogni tentativo di infiltrazione da parte della criminalità organizzata.

Il progetto, strategico per il territorio, prevede la realizzazione di una variante a doppio binario (4,4 km) fra le stazioni di Montemarciano e di Falconara Marittima, sulla linea Adriatica, e la realizzazione di una bretella di collegamento (1,5 km) fra la nuova variante e la linea Orte – Falconara. L’opera rientra nel più ampio progetto di raddoppio della linea Orte – Falconara e consentirà, a lavori ultimati, di avere un collegamento diretto con la linea Adriatica, evitando le inversioni di marcia dei treni nella stazione di Falconara Marittima, garantendo così benefici in termini di riduzione dei tempi di viaggio e di gestione della circolazione.

I lavori riguarderanno la nuova sede ferroviaria, l’armamento, gli impianti di segnalamento e telecomunicazione. Prevista in una seconda fase la realizzazione della nuova stazione di Montemarciano. L’attivazione della variante è prevista nel 2023. L’investimento complessivo è di 240 milioni di euro, di cui 174 già finanziati per la prima fase funzionale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-10-2019 alle 16:50 sul giornale del 11 ottobre 2019 - 1650 letture

In questo articolo si parla di attualità, falconara marittima, ferrovie dello stato, rfi, variante di falconara

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bbv5





logoEV