Falconara, il giudice di pace chiarisce sull'autovelox: lo spostamento del segnale non ha rilevanza rispetto alla regolarità

autovelox generico 1' di lettura Ancona 11/02/2020 - Lo spostamento del segnale di velocità lungo la Statale 16, operato dall’Anas a fine ottobre 2019, non ha alcuna rilevanza rispetto alla regolarità dell’autovelox fatto installare dal Comune di Falconara.

Lo ha stabilito il giudice di pace di Ancona Eliana Parlato con una sentenza del 29 gennaio scorso, con la quale è stato respinto il ricorso di una automobilista contro le sanzioni del dispositivo per il controllo elettronico della velocità.

Il giudice si è espresso sulla base della documentazione fornita dall’Anas, che ha certificato come il segnale del limite dei 70 chilometri orari lungo la Variante fosse regolarmente ad almeno un chilometro di distanza dall’autovelox, sia prima che dopo lo spostamento. In particolare, prima dello spostamento, il cartello del limite di velocità era installato al chilometro 289+200, mentre la postazione di rilevamento di velocità è al chilometro 290+390.

Il giudice ha quindi certificato quanto sostenuto sin dall’inizio dal Comune di Falconara, facendo cadere le insinuazioni di esponenti di opposizione e di un sindacato. Questi suggerivano che lo spostamento del segnale avesse lo scopo di regolarizzare l’autovelox, che invece è sempre stato regolare per chi viaggia nel tratto di Variante tra la ex Caserma Saracini e lo svincolo per Roma. L’automobilista che aveva impugnato le sanzioni contestando tra l’altro lo spostamento del segnale, oltre a dover pagare le multe e il suo avvocato, dovrà farsi carico delle spese legali sostenute dall’ente.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-02-2020 alle 17:40 sul giornale del 12 febbraio 2020 - 2139 letture

In questo articolo si parla di attualità, falconara marittima, Comune di Falconara Marittima, autovelox, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bgaM