Scoppia la rissa in sala giochi in seguito ad un furto. La Polizia incastra il ladro grazie ad un testimone

polizia 1' di lettura Ancona 23/02/2020 - Erano le 20 e 30 di sabato sera quando una volante della Polizia accorreva presso una sala giochi di Corso Mazzini per sedare una rissa scoppiata tra gli avventori del locale

Protagonisti del parapiglia un anconetano di 28 anni e un tunisino di 29. Il secondo era stato bloccato dagli Agenti, che arrivati sul posto lo notavano allontanarsi alla vista della volante. Riportata la calma e raggiunta la sala giochi gli Agenti si facevano spiegare il motivo del contendere: “Mi ha rubato due banconote da 50 euro che avevo nella tasca posteriore dei pantaloni mentre giocavo ai videogiochi" diceva a gran voce l' anconetano 28enne rimasto sul posto " Poi ho tentato di farmelo ridare ma mi ha picchiato". Procedendo ai controlli gli Agenti trovavano infatti due banconote da 50 euro sul tunisino, già noto alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio. Ad inchiodare definitivamente il sospetto però la testimonianza di un terzo ragazzo extracomunitario, che aveva visto il tunisino avvicinarsi all'anconetano e sfilargli i soldi dalla tasca dei pantaloni. Anche grazie alla preziosa testimonianza fornita agli Agenti i 100 euro venivano restituiti al legittimo proprietario e il colpevole arrestato per rapina e posto a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.






Questo è un articolo pubblicato il 23-02-2020 alle 18:06 sul giornale del 24 febbraio 2020 - 757 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bgDV