Spazi pubblici per bar e ristoranti, Quacquarini: ''La solita confusione del Comune di Ancona''

Gianluca Quacquarini 4' di lettura Ancona 19/05/2020 - Come al solito una cosa semplice e chiara viene stravolta e resa farraginosa. Per quanto riguarda l’occupazione del suolo pubblico per allargare all’esterno bar e ristoranti ci si aspettava per il Consiglio comunale un nuovo testo in linea con il DL rilancio.

È vero che ancora DL non è in Gazzetta ufficiale ma per quanto riguarda questo articolo (187-bis Sostegno delle imprese di pubblico esercizio) dei 256 di cui è composto il decreto non è mai cambiato dal 13 maggio u.s. Tanto che altri Comuni hanno cambiato le loro delibere da votare da oggi ai prossimi giorni. Negli altri Comuni delibere da 3/4 pagine da noi 12! Bastavano, infatti, le poche righe del Decreto e riprese sin dal 13 maggio dall’Anci e scritte nere su bianco dai Comuni. Come sempre ad Ancona confusione ed aumento della burocrazia, quella che invece andrebbe eliminata proprio in questo periodo.

Ecco cosa andava scritto, semplice semplice (ripeto è ciò che è scritto sul DL rilancio e semplificato da Anci) per il Sostegno delle imprese di pubblico esercizio- esenzione pagamento TOSAP COSAP (Art.187-bis)

· Si esonerano dal pagamento della TOSAP e del COSAP le imprese di pubblico esercizio titolari di concessioni o di autorizzazioni di suolo pubblico fino al 31 ottobre 2020. (Ancona: riduzione del 90% relativamente alle superfici corrispondenti ai “Dehors” già autorizzati e ai posteggi di commercio su aree pubbliche già concessi e riduzione del 75% relativamente alle superfici derivanti dall'ampliamento o di nuovi “Dehors” autorizzati. Dunque: mentre la Legge prevede l’ESONERO il Comune riduce? Dicono: tanto votiamolo poi lo cambiamo…e gli esercenti devono aspettare ulteriormente per la correzione di un loro errore?)

· Fino al 31 ottobre 2020, le domande di nuove concessioni per l’occupazione di suolo pubblico ovvero di ampliamento delle superfici già concesse sono presentate mediante istanza all’ufficio competente dell’Ente locale, con allegata la sola planimetria per via telematica, in deroga alla normativa in materia di imposta di bollo. (Ancona: emanare un bando per l'assegnazione di aree pubbliche preventivamente individuate e destinate allo svolgimento di attività diverse dai “Dehors” dove per tutta la durata del periodo di cui al precedente punto f) sarà consentito, mediante allestimenti a norma e nel rispetto delle normative igienico-sanitarie, l'esercizio dell'attività di somministrazione da parte degli operatori cittadini, scontando la COSAP agevolata del 90% di cui al terzo comma dall'art. 43 del vigente regolamento, trattandosi di un'iniziativa volta a promuovere il territorio e le attività connesse e costituire una “task force” per garantire sia la massima celerità e speditezza del rilascio delle autorizzazioni dei “Dehors” attraverso la citata procedura di evidenza pubblica, sia il maggior coordinamento possibile con la Polizia Municipale e la Soprintendenza per quanto riguarda il rilascio dei necessari pareri. Quanta gente deve valutare? Quanto tempo si dovrà aspettare per sapere se si può ad Ancona? Per legge basta una mail…) ·

Per assicurare il rispetto delle misure di distanziamento connesse all’emergenza da COVID-19, e comunque non oltre il 31 ottobre 2020, la posa in opera temporanea su vie, piazze, strade e altri spazi aperti di interesse culturale o paesaggistico, da parte dei titolari di concessioni, di strutture amovibili, quali dehors, elementi di arredo urbano, attrezzature, pedane, tavolini, sedute e ombrelloni, purché funzionali all’attività di ristorazione, non è subordinata alle autorizzazioni di cui agli articoli 21 e 146 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42.

· Per il ristoro ai comuni delle minori entrate è istituito, nello stato di previsione del Ministero dell’interno, un fondo con una dotazione di 127 milioni di euro per l’anno 2020 che verrà ripartito in proporzione alla somma delle entrate per tassa e canone occupazione spazi e aree pubbliche al 31 dicembre 2019 come risultanti dal Siope, con decreto del Ministro dell’interno di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, d'intesa con la Conferenza Stato-città ed autonomie locali da adottare entro trenta giorni dall’entrata in vigore del presente decreto.

Bastava dunque seguire il Decreto e le indicazioni di Anpi (ma non era questo Comune che aspetta sempre indicazioni per fare le cose? E stavolta perché no?). I commerciati hanno bisogno di aiuto ora e non di burocrazia. Hanno già sofferto abbastanza per questa pandemia e che fanno Sindaco e Giunta allungano i tempi? Come visto bastano una mail e la planimetria per mettere sedie e tavoli all’esterno di un locale non i bandi e le task-force che pretende il Comune di Ancona. Aiutiamo concretamente i baristi e ristoratori non mettiamo tutta questa burocrazia.


Da Gianluca Quacquarini

Consigliere Comunale Movimento 5 Stelle Ancona





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-05-2020 alle 17:44 sul giornale del 20 maggio 2020 - 248 letture

In questo articolo si parla di politica, Movimento 5 Stelle, Gianluca Quacquarini, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bl1t





logoEV
logoEV