Trasportava sangue: i Carabinieri fermano operatore sanitario ubriaco al volante

4' di lettura Ancona 24/05/2020 - Anche la movida dorica, in questa fase dell'emergenza Covid 19, nel mirino dei carabinieri del Comando Compagnia di Ancona. Sicurezza e rispetto delle misure di contenimento la parola d'ordine. Patente ritirata per un operatore sanitario ubriaco al volante di un furgone adibito al trasporto sangue

Un massiccio numero di “gazzelle” del pronto intervento “112” del Nucleo Operativo e Radiomobile ha consentito di deferire alla Procura della Repubblica del capoluogo tre persone, un 37enne campano e un 41enne della provincia di Ancona per “guida in stato di ebrezza” alcolica, una 24enne dominicana per inosservanza delle prescrizioni imposte dall’autorità giudiziaria, segnalare all’autorità prefettizia un 20enne anconetano per “detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale non terapeutico”, nonché sanzionare un senegalese 41enne per “ubriachezza molesta”. Numerosi anche i controlli nei bar e ai locali maggiormente frequentati dai giovani: fortunatamente non c'è stato bisogno di elevare nessuna sanzione alle attività rispettose della normativa.

Sabato pomeriggio, nel quartiere adriatico, i militari del Norm nell’ambito delle attività finalizzate alla prevenzione e contrasto delle condotte illecite derivanti dall’uso di sostanze stupefacenti, hanno controllato un’auto con all’interno un giovane 20enne anconetano che sottoposto a una perquisizione personale è stato trovato in possesso di un involucro - occultato in un pacchetto di sigarette - contenente circa un grammo e mezzo di marijuana. Il giovane è stato segnalato alla competente autorità prefettizia per “detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale non terapeutico” e il contestuale ritiro della patente di guida.

Era quasi la mezzanotte di sabato quando giungeva una segnalazione al 112 relativa ad un operatore sanitario che prima era stato notato davanti a un bar assumere bevande alcoliche e pochi minuti dopo visto zigzagare per le vie del centro alla guida di un furgone adibito al trasporto sangue, i militari della Sezione Radiomobile del Norm hanno intercettato il furgone segnalato in via Corridoni, il cui conducente un operatore sanitario 37enne, residente nella provincia di Napoli, era in evidente stato di alterazione dovuta all’abuso di bevande alcoliche, con un tasso alcolemico pari a 1,88 g/l. Il mezzo veniva poi è stato affidato ad un altro operatore sanitario intervenuto sul posto mentre la patente di guida è stata ritirata per il periodo di sospensione che sarà disposto dalla Prefettura di Ancona.

Poche ora dopo, alle cinque e trenta della primissima mattina, in via Marconi, i carabinieri hanno proceduto al controllo di un’auto condotta da un 41enne di Filottrano che sulla base della sintomatologia esternata era in uno stato di chiara alterazione psicofisica dovuta all’abuso di bevande alcoliche, infatti, il successivo controllo eseguito mediante etilometro ha consentito di accertare che il 41enne era alla guida con un tasso alcolemico pari a 1,09 g/l. Anche in questo caso il mezzo è stato affidato ad un familiare intervenuto sul posto mentre la patente di guida è stata ritirata per il conseguente periodo di sospensione che sarà disposto dalla Prefettura di Ancona.

Nella notte della movida anconetana invece sono stati sanzionati un senegalese 41enne che, pur non essendo alla guida, aveva alzato troppo il gomito disturbando la quiete pubblica. Lo stesso che è stato sorpreso alle tre in Corso Garibaldi mentre rientrava a casa dopo una serata trascorsa nella vicina Piazza del Papa.

Un bilancio del sabato grazie ai controlli dei carabinieri del Norm che ha consentito di identificare 167 persone, controllare 132 veicoli e 17 persone sottoposte agli arresti domiciliari, di cui una dominicana 24 enne, sottoposta all'obbligo di dimora nel comune di Ancona con divieto di allontanarsi dall’abitazione dalle ore 20.00 alle ore 08.00 del giorno successivo, risultata assente durante il controllo notturno e per tale ragione deferita all’A.G. per inosservanza delle prescrizioni imposte dall’autorità giudiziaria. Infine, sono state elevate quattordici contravvenzioni, ai sensi del Codice della Strada, nei confronti degli automobilisti indisciplinati. In totale sono stati decurtati 45 punti e comminate sanzioni amministrative per circa 5.000 euro.






Questo è un articolo pubblicato il 24-05-2020 alle 17:07 sul giornale del 25 maggio 2020 - 602 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bml1





logoEV