Come fare trading nel migliore dei modi: ecco i segreti

4' di lettura Ancona 10/07/2020 - Come ti è sicuramente noto se sei arrivato ad aprire questa guida di introduzione, il trading online si è ormai affermato come attività di investimenti finanziari con una grande diffusione su scala globale.

Molte persone, infatti, sono state capaci di far fruttare il proprio denaro in questo modo e, con investimenti graduali e mirati, sono riusciti ad accumulare un vero e proprio patrimonio, diventando dei professionisti, ovvero dei trader online; altre invece si sono avvicinate a questo mondo per fare investimenti e cercare guadagni più contenuti, giusto per arrotondare il proprio stipendio.

Ma in cosa consiste il trading online? Il TOL consiste nell’acquisto e nella vendita di determinati asset, cercando di guadagnare da queste operazioni, ovvero di effettuare una speculazione finanziaria (termine, questo, che non ha nessuna connotazione negativa).

I cosiddetti asset possono essere titoli azionari (equities), obbligazioni (bond), materie prime (commodities) quali oro, argento o petrolio, e valute (forex). Cosa distingue dunque questa attività dal mondo degli investimenti tradizionale?

Chiaramente, il fattore distintivo è proprio il fatto che tutto si svolge tramite piattaforme sul web e che sono specifici broker forex.

Questi effettuano materialmente le operazioni che l’utente stabilisce, offrono talvolta gratis o a pagamento strumenti di analisi e segnali, ovvero indicazioni e suggerimenti sull’andamento del mercato e le strategie da adottare, o ancora offrono la possibilità di fare operazioni in maniera automatica, ovvero impostando una strategia e dei parametri che il software eseguirà automaticamente ogni volta che questi corrisponderanno ai valori del mercato.

Ciò vuol dire che l’intervento umano è sempre necessario e che, essendo il mercato finanziario spesso imprevedibile, bisogna sempre mettere in conto il rischio di perdita.I siti che affermano il contrario per farti iniziare a investire mentono, sono piattaforme gestite da truffatori che agiscono al di fuori della legge.

Per questo è importante diffidare da qualunque sito prometta guadagni sicuri ed elevati, perché anche i migliori trader al mondo subiscono delle perdite, e soprattutto da qualunque sito che promette questi guadagni senza richiedere il tuo intervento: non esistono piattaforme che stabiliscano una strategia per te, deve essere il trader a decidere le operazioni da effettuare. Anche nel caso del trading automatico, è il trader a impostare una strategia o copiare l’attività di altri trader di successo per cercare di emularli, non è mai il software a prendere decisioni.

Capisci bene, dunque, che si tratta di un mondo sicuramente affascinante ma anche molto pericoloso se non hai esperienza. Ecco perché è bene affidarsi, per i motivi appena menzionati, solo a piattaforme legali, affidabili e che godano per questo di un certo prestigio, come eToro, iqOption, Plus500, AvaTrade e in genere tutte quelle presenti sulle liste ufficiali della Banca d’Italia e della Consob, l’ente a tutela degli investitori.

Oltre il rischio delle truffe, è sempre in agguato il rischio delle perdite: ecco perché non puoi cominciare a fare trading se non hai una conoscenza adeguata del settore finanziario. Per questo, sono necessari almeno un paio di mesi di studio approfondito di finanza e poi nello specifico di trading prima di iniziare, tramite libri, e-book, materiale online presente su siti web del settore e corsi reperibili sia online sia ormai in molte scuole e università.

Una volta che avrai cominciato a capire come funzione più nello specifico il trading online, potrai cominciare a passare all’azione, con investimenti graduali.

Le operazioni e il guadagno effettivo si svolgono in realtà tramite CFD (dall’inglese Contracts for Difference, ovvero contratti per differenza), un tipo di contratto che il singolo trader stipula col suo broker online e in virtù del quale quest’ultimo deve pagare la differenza tra la quotazione di un determinato asset acquistato dal trader al momento della stipula del contratto e la quotazione al rialzo, a seconda dei termini dell’accordo.

Quindi veniamo qui a un’altra differenza con gli investimenti tradizionali: il trading online non prevede l’acquisto vero e proprio di azioni, ma semplicemente la speculazione sulle variazioni di valore tramite i CFD, che non sono azioni.

Da qui deriva un’altra peculiarità ancora del trading online: questo permette infatti di iniziare con investimenti piuttosto contenuti, per mantenersi su guadagni ridotti o per cercare di effettuare una scalata e costruire una vera e propria ricchezza.






Questo è un articolo pubblicato il 10-07-2020 alle 18:37 sul giornale del 13 luglio 2020 - 212 letture

In questo articolo si parla di economia, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bqiW