Falconara, i sindacati: "Arginare subito il focolaio Covid al Bignamini"

1' di lettura Ancona 19/02/2021 - CGIL CISL UIL confederali di Falconara esprimono grande preoccupazione per il focolaio di covid-19 che si è generato all’interno del Centro Bignamini (Fondazione Don Gnocchi) di Falconara, di cui si è avuta notizia nelle scorse ore.

Le OO.SS. di categoria hanno immediatamente richiesto un incontro alla Direzione. Dalle notizie raccolte almeno 10 utenti nel reparto della riabilitazione intensiva sono risultati positivi. Al momento non risultano contagi tra gli operatori. Il reparto, che si colloca al secondo piano della struttura, è stato chiuso e i pazienti ricollocati in altre strutture sanitarie. Chiusi per la sanificazione nella giornata odierna anche alcuni ambulatori e il servizio di piscina che riapriranno nell’immediato.

Riteniamo indispensabile che vi sia un coordinamento tra la struttura stessa e l’ASUR per la gestione dell’emergenza e chiediamo che vengano garantiti gli organici per gestire l’assistenza sanitaria che resta operativa nella struttura. Riteniamo importante che vengano garantite le soluzioni organizzative che impediscano l’utilizzo di personale in più reparti. Occorre infine terminare al più presto il programma di vaccinazione per utenti e dipendenti. CGIL CISL UIL si rendono anche disponibili ad incontrare gli enti competenti per agevolare il coordinamento delle iniziative.




Cgil Cisl Uil


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-02-2021 alle 18:15 sul giornale del 20 febbraio 2021 - 327 letture

In questo articolo si parla di attualità, falconara marittima, cgil cisl uil, Centro Bignamini, comunicato stampa, covid

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bOYJ





logoEV
logoEV
logoEV