Bonifica dell'amianto negli ospedali di Ancona, Baldelli: "Massimo impegno per garantire il diritto alla salute"

ospedali riuniti 2' di lettura Ancona 09/03/2021 - Via l’amianto dagli ospedali di Ancona. “Proseguiamo l’opera di bonifica per dare una risposta concreta ad un annoso problema che affrontiamo in maniera strutturale, a riprova dell’impegno dell’amministrazione regionale per la messa in sicurezza dei nosocomi del territorio”.

Lo comunica l’assessore ai Lavori pubblici e all’Edilizia ospedaliera Francesco Baldelli che ribadisce la volontà di garantire il diritto alla salute “che equivale ad avere servizi primari diffusi nel territorio e strutture sicure. In quest’ottica, la necessità di rimuovere l’amianto nelle strutture ospedaliere non ancora bonificate che attendevano da anni questi indispensabili interventi”.

A tal fine sono stati selezionati per interventi di bonifica dal rischio amianto gli ospedali di Sassoferrato, Senigallia, Arcevia e Fabriano, oltre al Salesi, all’ospedale regionale di Torrette e all’Inrca. La bonifica più consistente sarà nei presidi di Torrette e Salesi, dove saranno rimosse intere tubazioni delle linee in disuso e la copertura della centrale elettrica, per una spesa di circa 1 milione. Ai quali si aggiungono gli interventi relativi alla vecchia morgue e alla palazzina con gli uffici tecnici per fare spazio al Nuovo Salesi, per una spesa complessiva di ulteriori 600 mila euro.

Per quanto riguarda le altre strutture, a Sassoferrato si procederà alla rimozione di due vasche in passato adibite a serbatoio di acqua, di una canna fumaria e di una pavimentazione in vinil amianto, a Senigallia si rimuoveranno serbatoi, cisterne e condotte presenti in più padiglioni, ad Arcevia saranno eliminate lastre in eternit, cisterne e tubazioni, a Fabriano vecchie tubazioni di scarico delle acque reflue e due caldaie e, infine, all’Inrca saranno rimosse coperture in eternit e altri residui di amianto, per una spesa complessiva di circa 155mila euro, che è esattamente la somma degli importi richiesti dalle aziende sanitarie, quindi vi è da parte della Regione una copertura economica totale.

L’intervento rientra nel Piano complessivo di bonifica dell’amianto attivato per 21 ospedali della regione e soddisfa pienamente le necessità rappresentate dall’Area Vasta 2. “Gli interventi di finanziamento sono stati subordinati a precise priorità – spiega l’assessore Baldelli -: si sono ritenuti primari gli interventi sulle strutture sanitarie e ospedaliere che prevedono la degenza h24 dell’utenza. Tutte le richieste pervenute per strutture con tale tipo di degenza sono state finanziate”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-03-2021 alle 13:47 sul giornale del 10 marzo 2021 - 183 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, Ospedali Riuniti, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bRK7





logoEV
logoEV