Telmo Pievani e Mauro Varotto: "Il Monte Conero diventerà un’isoletta in mezzo all’Adriatico"

2' di lettura Ancona 21/04/2021 - Il 22 aprile torna in libreria il filosofo ed evoluzionista Telmo Pievani, insieme al geografo Mauro Varotto, con un nuovo libro intitolato Viaggio nell’Italia dell’Antropocene. La geografia visionaria del nostro futuro.

Pievani e Varotto immaginano in che modo i cambiamenti climatici potrebbero trasformare l’Italia del futuro: il testo è ambientato nell’anno 2786, esattamente 1000 anni dopo il Viaggio in Italia di Goethe. Come sarà, se non riusciremo a invertire la marcia, il Paese in cui abitiamo? La Pianura padana sarà quasi completamente allagata; Milano disterà 20 minuti dal mare, per la precisione dal Lido di Lodi; Padova e tantissime al­tre città venete saranno interamente sommerse; altre ancora si convertiranno in un sistema di palafitte urbane; ma affacciate su un mare caldissimo; Firenze si affaccerà su una laguna, mentre Roma sarà una metropoli tropicale; la Sicilia un deserto roccioso del tutto simile a quello libico e tunisino…

E la costa di Marche, Molise e Abruzzo? Nel futuro provocatorio immaginato dagli autori sarà un’unica sequenza di fiordi, in stile Norvegese. Ma saranno tutt’altro che verdeggianti, anzi, si tratterà di scogliere aride, a picco su un mare tropicale e caldissimo, sormontati da piccoli centri abitati. Il Monte Conero diventerà un’isoletta in mezzo all’Adriatico, per fuggire dal caldo e dall’aridità, grandi flussi migratori spopoleranno i borghi e porteranno le persone a cercare rifugio sui Monti Sibillini, sul Gran Sasso e sulla Maiella, vette trasformate in nuovi centri urbani…

Analisi scientifica, fantascienza e giocosità picaresca prefigurano alcuni degli scenari che ci attendono se la nostra azione rimarrà sorda ai moniti di studiosi, scienziati e organizzazioni internazionali, al loro invito a invertire la rotta, riflettendo sulle ricadute climatiche e ambientali del nostro attuale modello di sviluppo e stile di vita.

Il volume è arricchito da una serie di mappe geografiche dettagliate create da Francesco Ferrarese: in allegato un’anteprima della mappa Etruria, realizzata da Francesco Ferrarese (Museo di Geografia, Università di Padova)








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-04-2021 alle 21:53 sul giornale del 22 aprile 2021 - 1335 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bYPz





logoEV