Ultimo miglio, Ciccioli (FdI): "Dal Governo Draghi un salutare ripensamento sul progetto"

2' di lettura Ancona 16/06/2021 - “Il Governo Draghi ha finalmente ascoltato le pressanti richieste che la Giunta Acquaroli ha portato avanti a seguito dell’esclusione dell’opera dal PNRR (Recovery Plan).

Possiamo, dunque, affermare che la Regione si è impegnata fattivamente in un’attività di lobbying alla quale, il ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, ha doverosamente corrisposto”. Questo il commento del capogruppo di Fratelli d’Italia al Consiglio regionale delle Marche, Carlo Ciccioli, a seguito dell’invio di una seconda lista di 44 opere pubbliche da sbloccare mediante il commissariamento, per un valore complessivo pari a 13,2 miliardi di euro, che è stata inviata dal MIMS alle Camere per acquisire il parere da parte delle Commissioni parlamentari competenti. Fra le 44 opere figura anche il “Nuovo collegamento tra la SS 16 e il Porto di Ancona, Ultimo miglio di connessione del Porto di Ancona”, lavori per un valore pari a 99.614.761,38 Euro, finanziati attraverso il Fondo Investimenti 2020. Il commissario designato è l’Ing. Eutimio Mucilli, Dirigente Anas.

L'intervento riguarda la realizzazione di un collegamento viario di estesa pari a circa 3,3 km, tra il porto di Ancona e la S.S.16 “Adriatica” all’altezza della frazione di Torrette, per la quale Anas ha ultimato la progettazione delle opere di raddoppio, da 2 a 4 corsie, nell’ambito del Contratto di Programma 2016-2020. Il tutto rientra nelle attività di cui al Protocollo di Intesa siglato il 09.02.2017 tra MIT, Regione, Comune, Autorità Portuale ANAS e RFI ed avente a oggetto: “Interventi per la riqualificazione urbana, la messa in sicurezza dall’azione meteomarina e velocizzazione della linea ferroviaria Adriatica e per il collegamento viario della SS 16 al Porto di Ancona”, attraverso un progetto Integrato di interventi sull’area denominata “Lungomare Nord – collegamento SS16 al Porto di Ancona”.

La complessiva soluzione infrastrutturale prevede il collegamento stradale con la rotatoria di Torrette sulla statale 16, una rettifica del tracciato ferroviario, una viabilità comunale a 4 corsie quale viabilità di litorale oltre al necessario ripascimento del litorale per consentire le nuove necessità di spazi per le infrastrutture. “Si tratta di un’opera attesa da oltre 30 anni e di cui beneficerà non solo Ancona, ma l’intera Regione Marche, una volta ultimata.

Per lo sviluppo regionale, infatti, è vitale la connessione di Ultimo miglio del Porto di Ancona, inserito nel corridoio europeo Scandinavo-Mediterraneo e, dal 2021, anche in quello Baltico-Adriatico. La moral suasion portata avanti dal Presidente Francesco Acquaroli e dall’assessore regionale alle Infrastrutture, Francesco Baldelli, ha trovato una doverosa risposta nel ministro Enrico Giovannini. L’auspicio è che ora – conclude il presidente del gruppo consiliare di FdI – il commissario Mucilli, a cui va l’augurio di buon lavoro da tutto il gruppo regionale di Fratelli d’Italia, possa imprimere la giusta accelerazione per un pronto avvio e, quindi, completamento, dell’infrastruttura strategica”.


da Carlo Ciccioli
capogruppo in consiglio regionale FDI



Carlo Ciccioli


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-06-2021 alle 17:32 sul giornale del 17 giugno 2021 - 164 letture

In questo articolo si parla di politica, comunicato stampa, ultimo miglio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b7vb





logoEV