contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > POLITICA
articolo

Comunali: al voto 28 comuni marchigiani (anche Camerano), in sei rischiano il commissariamento

3' di lettura
749

elezioni comunali

La chiamata alle urne per eleggere il nuovo sindaco chiama all'appello 28 comuni marchigiani per un totale di 180.056 elettori. Le urne si apriranno domenica 3 ottobre, dalle 7 alle 23, e lunedì 4 ottobre dalle 7 alle 15.

Due i comuni con più di 15.000 abitanti che rischiano il ballottaggio (Castelfidardo e San Benedetto del Tronto) ma sono ben 6 quelli che rischiano il commissariamento se non raggiungeranno il quorun del 50%+1 dei votanti perchè hanno presentato un solo candidato sindaco.

Nella provincia di Ancona le elezioni interessano i comuni di Castelfidardo, Camerano Cupramontana, Santa Maria Nuova. In provincia di Ascoli i comuni di San Benedetto, Acquasanta Terme, Force, Arquata Del Tronto, Montegallo. In provincia di Fermo i comuni di Montegranaro, Monte San Pietrangeli, Petritoli, Rapagnano, Ortezzano. In provincia di Macerata i comuni di San Severino, Porto Recanati, Morrovalle, Castelraimondo, Esanatoglia, Muccia, Bolognola. In pronvincia di Pesaro i comuni di Colli al Metauro, Mondolfo, Fossombrone, Fermignano, Gradara, Mondavio, Mercatino Conca.

Questi i candidati sindaco comune per comune.
Camerano: Oriano Mercanti (Camerano Unita), Giorgio Giostra (Camerano è ora), Marinella Ippoliti (Nuovamente Camerano)
Castelfidardo: Tommaso Moreschi, Gabriella Turchetti (Liste civiche centro destra), Marco Tiranti (liste civiche centro sinistra), Roberto Ascani (M5S)
Cupramontana: Clarice Orsi (Cupramontana - Tradizioni e futuro), Laura Paolini (Scelgo Cupra) Enrico Giampieri (Progetto Cupra)
Santa Maria Nuova: Alfredo Cesarini (lista civica)

Acquasanta Terme: Sante Stangoni (Acquasanta nel cuore)
Arquata del Tronto: Piergiorgio De Marco (Ricostruiamo Arquata), Michele Franchi (Uniti per Arquata)
Force: Amedeo Lupi (Insieme per Force)
Montegallo: Marco Pietrzela (Movimento civico montegallese), Ignazio Simone Matteucci (Montegallo Comune), Sante Capanna (Insieme per Montegallo), Giorgio Lappa (Radici montegallesi)
San Benedetto: Antonio Spazzafumo, Aurora Bottiglieri (Liste civiche centrosinistra), Paolo Canducci, Pasqualino Piunti (LIste civiche centro destra), Serafino Angelini (M5S)

Montegranaro: Ediana Mancini, Endrio Ubaldi
Monte San Pietrangeli: Paolo Casenove
Ortezzano: Paola Piermarini (Futuro per Ortezzano), Gaetano Agostini (Uniti verso il futuro)
Petritoli: Luca Pezzani
Rapagnano: Elisabetta Ceroni, Alfonso Ceci

Bolognola: Mauro Angelo Blanchi, Cristina Gentili
Castelraimondo: Costantino Mariani (castelraimondo Insieme), Patrizio Leonelli (Castelraimondo il futuro)
Esanatoglia: Luigi Nazzareno Bartocci (Lista Civica Santa Anatolia), Nello Tizzoni (Esanatoglia Bene Comune), Andrea Cipolletta (Esanatoglia Domani)
Morrovalle: Tonino Quattrini (Più Eco), Andrea Staffolani (ViviAmo Morrovalle), Paolo Manciola (Cura e Partecipazione)
Muccia: Mario Baroni, Giuseppe Abruzzo
Porto Recanati: Rosalba Ubaldi (Centrodestra unito), Salvatore Piscitelli, Alessandro Rovazzani, Andrea Michelini (Progetto Comune)
San Severino Marche: Tarcisio Antognozzi (Insieme), Rosa Piermattei (San Severino Cambia), Francesco Borioni (San Severino futura)

Colli al Metauro: Pietro Briganti (Insieme per Crescere), Candio Curina (Energia in Comune)
Fermignano: Delfina Betonica (Fermignano Rinasce), Emanuele Feduzi (Fermignano Futura)
Fossombrone: Fabio Londei (Prima Fossombrone), Gloria Mei (Progetto Comune), Elisa Cipriani (Uniti per Fossombrone), Massimo Berloni (Sindaco per Fossombrone)
Gradara: Filippo Gasperi
Mercatino Conca: Omar Lavanna
Mondavio: Girolamo Martino (Mondavio Città Nuova), Mirco Zenobi (Per un Futuro Comune)
Mondolfo: Nicola Barbieri (Farecittà), Anteo Bonacorsi (Futura, Tu al centro)

Come si vota
L’elettore, che deve portare con sè la tessera elettorale e un documento di identità valido, per eleggere il sindaco e il Consiglio Comunale, ha tre possibilità di voto: -mettere una X sul simbolo della lista, assegnando così il voto anche al candidato sindaco; - mettere una X solo sul nome dell’aspirante Sindaco (in questo caso nessun voto sarà assegnato alla lista); - mettere una X sulla lista e scrivere il cognome del candidato Consigliere che si preferisce.

Nei Comuni con oltre 15.000 abitanti (e dunque anche a San Benedetto del Tronto) si può anche assegnare la doppia preferenza di genere: basta scrivere i cognomi dei due candidati di sesso diverso appartenenti alla stessa lista. Sempre nei comuni oltre i 15.000 abitanti è ammesso anche il voto disgiunto, ossia l’elettore può barrare il nome del candidato sindaco che preferisce e mettere una X anche su una lista che appoggia un candidato diverso.



elezioni comunali

Questo è un articolo pubblicato il 29-09-2021 alle 09:57 sul giornale del 30 settembre 2021 - 749 letture