Il business che passa dai social è strategicamente qualitativo

4' di lettura Ancona 21/10/2021 - Per una qualsiasi impresa, esistere nel panorama economico di settore non basta: è necessario, allo stesso tempo, farsi trovare e soprattutto farsi conoscere. La visibilità – specie quella sul web – oggi è tutto e, per ottenerla, è necessaria una strategia che arrivi a coprire quei canali capaci di generare un alto volume di traffico e visualizzazioni: i social network.

Molti utenti danno ormai per scontata la propria presenza sui principali social e – di conseguenza – molte aziende hanno cominciato a vedere in questi network una risorsa: soprattutto le piccole e medie imprese, infatti, hanno saputo cogliere il potenziale di Facebook, Instagram e altri social per poter competere con la concorrenza, senza soccombere a essa.

Tuttavia, in un mondo ormai tanto connesso, l’idea di aprire un profilo aziendale su social network può non risultare così originale: da qui la necessità di utilizzare una strategia social media marketing appropriata al network in questione, allo stesso tempo innovativa e personale. Solo così, con le giuste strategie SEO (pensate per ottimizzare il sito per i motori di ricerca) si possono ottenere maggiore visibilità SERP (la lista dei risultati di ricerca) e più traffico, con una più alta possibilità di conversione dell’utente in cliente.

Come usare al meglio i social network

Se gestire un profilo social aziendale è necessario, ma non sufficiente, è chiaro che l’impresa deve porsi alcune domande, per sviluppare e avere ben definiti in mente alcuni tratti essenziali. Tra le cose da chiarire, spicca sicuramente il target di riferimento, l’interlocutore ideale cui ci si vuole rivolgere: non si tratta soltanto di una questione di vendita, perché la definizione del target è – in primo luogo – una questione di comunicazione, che permette all’azienda – e ai social media manager – di capire a chi ci si vuole rivolgere e con quale scopo.

Di base, dunque, l’idea è quella di interagire con gli utenti, su Facebook, Instagram, Twitter o altri network ancora, ma, in primo luogo, sarà necessario ottenere visitatori: un’idea è quella di comprare followers per avviare meglio il proprio profilo nelle sue fasi iniziali e poi aumentare il traffico social sul canale (che finirà per attirare altri visitatori con cui interagire attivamente). Il momento dell’interazione è comunque essenziale, per migliorare la qualità della propria pagina e della propria presenza sul web: questa presenza deve essere diversificata sui vari social e, soprattutto, pianificata in maniera molto precisa.

Infatti, in base al target che si desidera intercettare, alcuni social possono essere più utili di altri, così come determinati orari sono più ricchi di visualizzazione rispetto a diversi momenti della giornata: selezionare con cura il momento in cui pubblicare un post su Facebook, un tweet su Twitter o, ancora, una storia su Instagram ha delle conseguenze notevoli sul volume di traffico della pagina che si gestisce. D’altra parte, è allo stesso tempo fondamentale non abbandonare il proprio profilo a se stesso: la pagina social aziendale non è una semplice vetrina, ma è un autentico portale da curare con attenzione, pubblicando contenuti di qualità con costanza e, allo stesso tempo, con l’obiettivo di stabilire un dialogo, oltre che di mostrarsi.

Nulla vieta di iniziare la propria vita sui social con un po’ di sana sperimentazione, che potrebbe tuttavia rivelarsi rischiosa se condotta senza criterio: l’utilizzo di strumenti utili a ottenere report e monitorare l’andamento della propria pagina, nello specifico, saranno utili per verificare gli orari di visualizzazione preferiti dai propri utenti o, ancora, il successo – o insuccesso – di traffico generato dai propri contenuti. Diversificare i propri contenuti sui diversi social, pubblicare post di vario tipo a orari mai uguali, permette con un minimo investimento di conoscere le diverse reazioni della propria utenza e valutare la strategia migliore per ottenere più condivisioni e interazioni.

Utilizzare dei contenuti visivi, come immagini e video, inoltre, solitamente cattura maggiormente l’attenzione degli utenti, che si rivelano più portati a leggere anche il resto del post e, eventualmente, a condividerlo. Infine, va tenuto a mente che alcune strategie possono essere applicate gratuitamente, mentre altre richiedono una spesa da parte dell’azienda: avere ben chiaro in mente il budget da investire per raggiungere e convertire in clientela il target desiderato, dunque, è un altro passo essenziale per una strategia social media marketing di qualità.






Questo è un articolo pubblicato il 21-10-2021 alle 21:29 sul giornale del 21 ottobre 2021 - 11 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cpMQ





logoEV
logoEV
logoEV