contatore accessi free
SEI IN > VIVERE ANCONA > SPORT
comunicato stampa

Tecniche del futsal nel calcio, accordo di collaborazione tra Portuali e Cus Ancona

3' di lettura
133

La GLS Dorica-Portuali introduce il calcio a cinque nel calcio e lo fa per merito del Cus Ancona, società che porterà all’interno della realtà sportiva di Torrette metodologie, tecniche e filosofie di gioco proprie del futsal.

Ad Ancona, questa nuova e interessante collaborazione nasce grazie a due club legati da vicinanza geografica e rapporti di consolidata amicizia e profuma di novità nel panorama regionale. A differenza, invece, di quanto sta accadendo nelle principali squadre professionistiche nazionali, già da tempo attente nel proporre ai giovani calciatori, e non solo, principi differenti rispetto a quelli del calcio a undici, ma ad esso propedeutici, e contaminati dalle caratteristiche tipiche del futsal. Milan e Inter, ad esempio, o ancora la Juventus che ha realizzato una specifica area dedicata al mondo del pallone a rimbalzo controllato. Esempi virtuosi, sbocciati sulla scia di un progetto della Divisione Calcio a 5 di qualche anno fa cui hanno aderito diverse società Prof e oggi richiamato da GLS Dorica-Portuali e Cus Ancona.

L’iniziativa entrerà nel vivo mercoledì prossimo, 10 novembre. La categoria attenzionata sarà l’Under 17 (Allievi) della GLS Dorica-Portuali che, una volta a settimana, si allenerà allo stadio Giuliani con i tecnici qualificati del Cus Ancona, i quali applicheranno i concetti del calcio a cinque durante una seduta di calcio. L’obiettivo che si prefiggono i club è quello di far crescere ancora di più i ragazzi a tutti i livelli, storica ambizione che ne orienta l’attività, e fornire loro nuovi sbocchi sportivi. L’accordo è stato siglato, di recente, dal responsabile tecnico della GLS Dorica, Gianfranco Paolini, e dal responsabile del settore giovanile del Cus Ancona, Alessandro Vinci.

«Abbiamo da subito apprezzato la proposta del Cus Ancona nel sottoporci questo progetto, che già seguivamo con particolare curiosità – il commento di Paolini, sponda GLS -. Un progetto che permetterà ai nostri atleti di confrontarsi con tecniche e idee differenti, perfettamente aderenti al calcio e utili per stimolare una nuova creatività. Oltretutto sono convinto che permetterà di comprendere, speriamo una volta per tutte, che il calcio a cinque è uno sport di primo livello, non subordinato al calcio, e come tale va trattato. Siamo orgogliosi di iniziare questa collaborazione e ringraziamo nuovamente gli amici del Cus per aver pensato a noi».

«Quello che ci ha spinto ad avviare questo progetto con la GLS Dorica-Portuali è stata da una parte la vicinanza geografica tra le nostre società, ma anche, dall’altra, una vicinanza affettiva visto che siamo legati da una profonda amicizia, condividiamo gli stessi valori sportivi e la medesima mission, che pone il bambino e il ragazzo al centro del progetto formativo – aggiunge Vinci, in rappresentanza degli Universitari -. Il nostro desiderio come Cus Ancona è quello di abbattere quel muro di diffidenza che ancora resiste attorno al calcio a cinque e fa sì che ancora venga considerato come un parente povero del calcio a undici, mentre invece costituisce una grande opportunità di crescita per il giovane calciatore, in grado di fornirgli ulteriori strumenti tecnico-tattici funzionali alla sua crescita ed in grado di sviluppare ulteriormente le sue capacità cognitive».



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-11-2021 alle 17:07 sul giornale del 09 novembre 2021 - 133 letture